Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Editoriali Il ghepardo e la gazzella

Il ghepardo e la gazzella

di Il Direttore

Il ghepardo non corre avanti e indietro nella savana inseguendo tutte le gazzelle e sperando che una di queste prima o poi inciampi, ma aspetta e attacca quella più facile da raggiungere...

Il ghepardo e la gazzella

Partiamo dalle realtà oggettive indiscutibili:

  • i casinò hanno una disponibilità economica maggiore della nostra, possono sostenere grosse perdite di denaro noi no: siamo Davide contro Golia
  • gli ispettori di sala e di tavolo hanno il potere di intervenire sullo svolgimento del gioco al tavolo (chiudere, aumentare i minimi, cambiare i croupier, etc)
  • i croupier hanno il potere di intervenire sui tempi di gioco (velocizzare, rallentare, accettare gli annunci, etc)
  • il tavolo ha dei limiti di puntata minimi e massimi.
  • la roulette con la sua tassa vi porta via il 2,7% (1/37) ad ogni boule
  • il sistema vincente in assoluto non esiste

Questo scenario letto così non è certo tra i più confortanti. La sfida tra la cassa del giocatore e la cassa del casinò sembra impossibile. Lo spiegamento di forze è impari e tutto fa presupporre che il giocatore è "destinato" a soccombere.

Ma anche a favore del giocatore ci sono delle realtà oggettive indiscutibili.

  • Il giocatore può innanzitutto decidere di non andare al casinò, così elimina il problema alla fonte
  • può decidere di non tirare fuori i soldi e giocare virtualmente godendosi l'atmosfera ed i drinks
  • può scegliere di giocarsi un capitale minimo che non gli cambi la vita in caso di sconfitta
  • può decidere quando mettere le fiches sul tavolo
  • e soprattutto può decidere quanto e come mettere le fiches sul tavolo

Perché finché non ha messo la fiche sul tavolo, casinò e giocatore sono praticamente alla pari. E' quando ci sono i pezzi sul tavolo ed il croupier annuncia "rien ne va plus" che ha inizio la sfida. Una sfida impari ma con un enorme vantaggio a favore del giocatore: il casinò si può solo difendere dal nostro assalto, non ci può attacare.

Questo è un punto fondamentale che spesso viene trascurato ed è una delle cause principali delle sconfitte al casinò.
Siamo noi giocatori che abbiamo il coltello dalla parte del manico, siamo noi che attacchiamo la carovana per prendere l’oro:

  • possiamo decidere quando puntare (non siamo obbligati a puntare ad ogni giro anche se siamo seduti, anche se abbiamo le fiches colorate)
  • possiamo decidere quanto puntare (non vergognamoci a mettere il minimo sulla chance)
  • possiamo scegliere di cambiare tavolo (se non ci ispira l’ambiente o il croupier ce ne andiamo altrove)

E il nostro avversario che fa? Aspetta, ci attende al varco, forma un circolo con i carri e non appena lo attacchiamo lui si difende. Noi puntiamo e lui risponde con tutte le armi a cui abbiamo accennato all’inizio.

A questo punto è chiaro che già essere a conoscenza del proprio potere e non sottovalutare mai l’importanza di usare tutte le proprie armi è già una strategia vincente.
Le forze in campo però, come abbiamo visto sono fortemente sbilanciate, la tassa sullo zero ed i massimi del tavolo permettono all’avversario di difendersi in tutta scioltezza, quindi se il nostro obiettivo non è solo sopravvivere ma vincere la sfida, bisogna avere una strategia offensiva efficace.

Saper cambiare strategia

Il giocatore tipico della roulette, sia sistemista che d’istinto, è prevedibile, monotono, ripetitivo ed insiste nella sua strategia pensando alla lunga di spuntarla. Sicuro del proprio metodo e gratificato da piccoli successi temporanei. L’attesa ed il tempo che trascorre sono sempre a favore di chi ha maggiori risorse, perché quando i rifornimenti scarseggiano e le forze si affievoliscono, si commettono errori gravi.
Bisogna saper cambiare strategia, diventare briganti, guerriglieri, partigiani, scegliere un piccolo obiettivo (un numero, una chance, un ritardo, un settore sulla ruota, una finale in calore, etc) ed attaccarlo veloci, rapidi come dei ghepardi. Se la preda riesce a sfuggire, ci si deve fermare a riposare un attimo, si devono riprendere le forze per essere pronti quando sarà il nuovo momento per attaccare una nuova preda, una nuova combinazione che abbia maturato le condizioni di gioco.

Inseguire la giusta gazzella

Noi giocatori siamo proprio come un ghepardo anziano alle prese con diversi branchi di 37 giovani gazzelle. Una di loro sarà la nostra cena ma non sappiamo ancora quale.
I sistemi di gioco sono tutti validi, perché in un determinato momento avranno sempre una fase positiva di uno o più colpi che, se sfruttata, ci porta a vincere sul banco. E’ il punto chiave di tutti i sistemi e della strategia del ghepardo: determinare l’esatto momento di attacco.
Ma a differenza nostra il ghepardo non corre avanti e indietro nella savana inseguendo le gazzelle e sperando che una di queste prima o poi inciampi. Lui sceglie la gazzella più lenta, quella più debole, quella che può inciampare e, quando gli sfugge, la abbandona, la ignora; ce ne sono decine di altre a disposizone. Non fa come quei giocatori che si fissano su una preda (una combinazione) e non si danno pace finché non la catturano. Il ghepardo torna piano piano tra i suoi arbusti, si apposta e ricomincia a guardarsi intorno per sceglie tra tutti i branchi di gazzelle quella più promettente. Fallito l’assalto si rimette ad osservare alla ricerca di un gruppo più promettente. Così facendo il ghepardo anziano amministra bene le sue forze e non muore di fame…

Analogamente il giocatore che vuole “mangiare” deve sapersi muove tra i tavoli del casinò alla ricerca della preda ideale, avere in mente diversi sistemi e strategie, guardare i tabelloni e saper riconoscere i punti deboli statistici, probabilistici, seguire i flussi favorevoli e non fissarsi su numeri o combinazioni ma prendere fiato, riappostarsi e gettarsi su una nuova preda.

Siate flessibili, perché è il giocatore flessibile quello che ha minor probabilità di spezzarsi...

giovannmi :
13/11/2011 19:07
superlativo!
andre :
15/04/2014 23:23

i tuoi articoli e il tuo sito son davvero fatti bene, complimenti.
solo una piccola cosa.. in alcuni dei tuoi interventi ho come l'impressione che tu "pubblicizzi" un pò il gioco online. Ad esempio nell'articolo di comparazione fra il giocare al casino e giocare da casa.. ecco.. le due cose, secondo me, non possono essere paragonate. giocare alla roulette significa essere in un casino, annusare l'atmosfera del gioco, sentire i rumori, vedere un croupier, emozioni.
il gioco online è per chi non vuole giocare, ma per chi vuole far soldi.
io ho ancora una piccola esperienza (23 anni) quindi la mia è solo una constatazione che non pregiudica la bellezza del tuo sito e dei tuoi articoli. Buon Boule a tutti!!

Redazione :
16/04/2014 10:57

Se i casinò fossero in tutte le regioni come da decenni "annunciano" saremmo completamente d'accoro con la tua affermazione.
Purtroppo c'è buona parte dell'Italia che non può permettersi di andare al casinò regolarmente. Ed è a questi giocatori che diamo "suggerimenti" su come giocare al meglio live da casa.
Certo sono esperienze diverse come confrontare una birra in bottiglia bevuta sul divano o la birra alla spina in un pub. Ma se vuoi una birra e non puoi andare al pub, sei più contento se trovi chi ti consiglia su quali possano essere le birre migliori da bere a casa...

maurizio :
05/10/2015 20:52

E' l'essenza . Quoto al 100 %. Ma ci vorrebbe un Cyborg programmato....

Commenting has been disabled.
Editoriali
Chi non si ferma è perduto Chi non si ferma è perduto

La roulette non perdona e un giocatore deve sapersi fermare in tempo altrimenti...

La cassa degli errori La cassa degli errori

Sbagliare è umano, ma se a farlo è la macchina?

I polli dalle uova d'oro I polli dalle uova d'oro

Li chiamano tornei di roulette ma non sono altro che un modo subdolo per fare soldi

Non è il gioco ma è il giocatore Non è il gioco ma è il giocatore

Una buona condotta di gioco è il primo fattore di successo per riuscire a vincere alla roulette

Tutto in una fiche… Tutto in una fiche…

Incredibile finale dell'Italian Roulette Championship !!! Il vincitore si aggiudica il torneo per una sola fi ...

Bot da orbi Bot da orbi

Le nuove tecnologie possono esserci utili, basta tenere bene gli occhi aperti e non farsi fregare

Il lato oscuro della Roulette Il lato oscuro della Roulette

Esperti, professionisti, studiosi e giocatori abituali lo sanno: vincere o perdere alla roulette è soprattutt ...

Evitare di perdere o cercare di vincere ? Evitare di perdere o cercare di vincere ?

Capire come inconsciamente cambia il comportamento del giocatore durante una sessione di gioco può essere fon ...

Side bet alla roulette Side bet alla roulette

Nuovi tavoli e nuove combinazioni per catturare sempre più nuovi giocatori

Se lo dice internet... Se lo dice internet...

Siamo sicuri che commenti e recensioni in rete siano affidabili ?

Giocare alla roulette per sopravvivere alla crisi ? Giocare alla roulette per sopravvivere alla crisi ?

Nei momenti di difficoltà c'è chi ricorre al gioco per raddrizzare la baracca

La madre dei furbi è sempre incinta La madre dei furbi è sempre incinta

C'è un oceano di giocatori affamati ed aumentano i pescatori senza scrupoli...

Chi si ferma non è perduto Chi si ferma non è perduto

Una sosta fa sempre bene, alla roulette la gestione delle soste può fare la differenza.

Finché la chance va... Finché la chance va...

E' meglio seguire una serie in calore o è meglio puntare sulla sua interruzione, oppure è più saggio attend ...

Quando il payout diventa il peyote Quando il payout diventa il peyote

Quando i casinò danno i numeri delle vincite i giocatori cominciano a "dare i numeri"

Nuovo rivoluzionario libro sulla roulette Nuovo rivoluzionario libro sulla roulette

In anteprima e ad un prezzo di favore potrete avere il libro del famoso professor Dellagioia Massimo. L'invent ...

Il fine non giustifica i "pezzi" Il fine non giustifica i "pezzi"

Quanto è giusto rischiare per ottenere una vincita alla roulette?

Play foolish, play hungry Play foolish, play hungry

Prendo spunto dal discorso di Steve Jobs ai giovani di Standford, diventato il suo testamento spirituale per l ...

Un'ondata di nuovi giocatori Un'ondata di nuovi giocatori

Cambiano le tecnologie e gli utenti ma l'approccio alla roulette è sempre lo stesso... purtroppo

Esistono ancora le roulette difettose ? Esistono ancora le roulette difettose ?

I grandi vincitori del passato hanno sfruttato un difetto della ruota, oggi farlo è più difficile, ma non im ...

Ma tu vinci alla roulette? Ma tu vinci alla roulette?

Un conto è predicare e un conto è razzolare, e quando si tratta del gioco non si scherza ed è giusto rispon ...

Ma sono vere roulette? Ma sono vere roulette?

Ma c'è da fidarsi delle roulette automatiche con l'aria compressa che spinge la pallina ?

Il ghepardo e la gazzella Il ghepardo e la gazzella

Il ghepardo non corre avanti e indietro nella savana inseguendo tutte le gazzelle e sperando che una di queste ...

Al casinò con il computer Al casinò con il computer

Tra le domande che spesso ci arrivano in redazione c’è quelle in cui ci chiedono se è possibile portare il ...

Andiamo a cercar funghi Andiamo a cercar funghi

Questa è la frase che utilizza un amico quando mi chiama per propormi un assalto alla roulette. Non è per na ...

Guadagnare 20 pezzi al giorno Guadagnare 20 pezzi al giorno

Ma sarebbero davvero sufficienti per sbancare il casinò e vivere di rendita?

Ma le roulette live sono truccate? Ma le roulette live sono truccate?

Puntavo nero e sono 12 rossi di fila, sicuramente è truccata. E io puntavo rosso e ho vinto: meno male che er ...

Nove giocatori d'azzardo non sfamerebbero un solo gallo

Proberbio slavo