Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Editoriali Il lato oscuro della Roulette

Il lato oscuro della Roulette

di Il Direttore

Esperti, professionisti, studiosi e giocatori abituali lo sanno: vincere o perdere alla roulette è soprattutto una questione di testa.

Il lato oscuro della Roulette

Anche con una roulette senza zero (esperimento provato negli anni d'oro a Montecarlo) la maggior parte dei giocatori non ne trarrebbe beneficio, perderebbero comunque, vittime della propria condotta di gioco.

A complicare la faccenda sono i soldi e il peso psicologico che si portano dietro.
Quando c'è un rischio o un azzardo che può portare ad una qualche forma di fallimento (finanziario, sociale, etc) l'essere umano è programmato per cercare di evitarlo.

 

Vi faccio un quesito.
E' il vostro compleanno, andate a giocare alla roulette al casino e per l'occasione avete un capitale di 1000€. La serata scorre con alti e bassi, soprattutto bassi, finché arrivate a puntare l'ultima fiche, che anch'essa finisce nel mucchio raccolto dal croupier. Disfatta totale avete perso tutti i 1000€, bel compleanno di m...
Mentre abbandonate il tavolo e mestamente vi avviate all'uscita un ispettore vi ferma e vi dice: "Buonasera, dato che abbiamo visto che oggi è il vostro compleanno, il casinò ha deciso di venirvi incontro. Le offriamo la possibilità di scegliere tra ricevere un rimborso di 750€, oppure la possibilità di vincere 2000€ ma solo se al prossimo colpo non esce il rosso.

Fermatevi un attimo, immergetevi nella situazione e pensate a come vi comportereste prima di proseguire nella lettura.

Cliccate qui per indicare la vostra risposta al quesito

 

Questo tipo di esperimento viene effettuato per dimostrare come ci si faccia influenzare dalla prospettiva della sconfitta e del fallimento nella scelta del comportamento da attuare.
I 750€ rappresentano un guadagno sicuro, che non fa chiudere in vincita, ma "toglie" dall'imbarazzo del fallimento totale. Si torna a casa sconfitti ma più sereni.
Ed è questa è la scelta che viene fatta dalla stragrande maggioranza delle persone. La parola "rimborso" ha un suono magico, piace molto di più della parola "vincere"

Da un punto di vista probabilistico non ci dovrebbero essere dubbi, ma la percezione del vantaggio è viziata dalla situazione in cui ci si trova; l'idea di "portare a casa la pelle" è più attraente della potenziale vittoria. Non ci si prende neanche il disturbo di calcolare se e quanto sia più conveniente.

Se la cifra fissa proposta cominciasse a scendere, ecco che l'idea dell'azzardo comincia a piacere, e improvvisamente la matematica comincia ad avere importanza e, seppur spannometricamente, si valutano le due alternative. A 100€ tutti accettano la sfida.
La situazione psicologica a quel punto non cambia; perdere 1000€ o 900€ è praticamente lo stesso e quindi tanto vale correre il rischio di vincere.

In poche parole si è più motivati a cercare di non perdere qualcosa che non a cercare di guadagnare qualcosa.

Tradotto nella roulette, una sconfitta pesa molto di più di una vittoria. Tutti lo abbiamo sperimentato. Una puntata sul rosso che in caso di vittoria ci fa tornare in pari (recuperando dalla sconfitta) è più "sentita" di una puntata sul rosso che in caso di sconfitta ci fa tornare in pari (annullando la vittoria).

Sembra un ragionamento ovvio. Ma la natura dell'azzardo è questa, e molti, proprio per questa avversione al fallimento non amano l'azzardo e il rischio quando di mezzo ci sono i propri risparmi.
Ma qui siamo tra giocatori e il problema di rischiare o meno non si pone, se si va a giocare alla roulette si è già deciso di rischiare.
L'avversione alla sconfitta è come un limitatore di velocità. Quando iniziamo a giocare è spento.
Si accende automaticamente alla prima sconfitta, riusciamo a disattivarlo momentaneamente se siamo in attivo, ma se siamo sotto rimane sempre attivo, influenzando il modo in cui giochiamo.
E' il lato oscuro che si impossessa della nostra mente, e a meno che non siamo dei giocatori Jedi il rischio di cedere è molto alto.

In queste situazioni ogni colpo diventa psicologicamente devastante ed è il momento in cui si fanno gli errori, in cui si devia dalla rotta programmata e si naviga a braccio seguendo l'istinto. Nascono così le puntate non controllate di cui poi ci si pentirà amaramente.

Il desiderio di "ridurre" le sconfitte e "portare a casa la pelle" è molto forte e non è così facile domarlo. Proprio per questo motivo bisogna avere una strategia programmata per qualsiasi colpo.
Ad ogni momento del gioco bisogna avere ben chiaro come affrontare il colpo successivo, sia in termini di combinazioni da giocare che in pezzi da puntare.

Vale la pena ricordare che siamo noi giocatori a controllare il gioco: come, dove e quanto puntare, e soprattutto quando smettere. Avere un metodo da seguire, qualunque esso sia, è palloso, ci toglie divertimento ma è obbligatorio se vogliamo vincere. E alla luce di quanto detto in precedenza un metodo ben definito (con stopwin e stoploss ragionevoli) è la spada laser a cui aggrapparsi quando "iniziamo a cedere al lato oscuro".

Che la forza sia con voi

giovanni :
31/08/2014 08:55

Tu cosa faresti?
Perché non apri un sondaggio?

Andrea Bianchi :
31/08/2014 14:30

Io personalmente avrei rischiato per i 2000.
Mi sono abituato a compartimentalizzare ogni sessione. La sconfitta sarebbe già mentalmente archiviata quando arriva la proposta del direttore.
Quindi la considererei una nuova sessione di un colpo con un nuovo tipo di sistema, ma sopratutto l'eventuale vincita non andrebbe a coprire la sconfitta precedente.
Finirebbe in una contabilità separata, sotto la voce "B.D.C" che sta per botte di fortuna. Una cassa dedicata alle giocate "d'istinto" alla quale un po di ossigeno farebbe comodo...

giovanni :
01/09/2014 15:27

Grazie,come al solito ottima risposta e ben argomentata.

spinwin :
04/09/2014 09:29

buondi,
sono sicuro, anche se, il direttore del casino, espone un cartello "come vincere alla roulette sicuro e garantito",90% dei giocatori compulsivi continuerebbe a perdere, spesso si ritiene che il malato di gioco d'azzardo non giochi per vincere, ma per perdere. Speculare alla Roulette non è un gioco. E’ un lavoro serio, non è divertente, non deve procurare emozioni, nè piacere, DEVE RENDERE SOLDI! bisogna essere programmati psicologicamente.!! vi lascio questo aforisma, guardare una bella donna nuda, non deve creare nessuna emozione emotiva, eccitamento, ecc, questo si chiama controllo.!!! quindi il sistema senza controllo non serve a nulla

Jeronimus :
20/10/2014 21:38

io aprirei una trattativa col direttore,per dimezzare la perdita e recuperare il 50% in cambio di una potenziale vincita di "soli" 1.000.

mi piace leggere tutte queste filosofie e confronti.
Grazie

giuseppe :
02/01/2015 09:04

Secondo i termini della proposta, vincerei con tutti i neri, più lo zero, cioè scommetterei i miei 1.000 € (che non ho già più, ma che mi verrebbero resi per la giocata) contro i 1.000 del casinò, avendo le probabilità a favore, pari a
P=0,5135, ovvero 2,7%.
Considerando che nel primo caso è come se ugualmente mi proponessero di giocare i 1.000 € che mi verrebbero resi accettando in partenza di subire una perdita pari al 25%, non avrei alcun dubbio, sceglierei di giocare.
Inoltre, quando mai potrà capitarmi di avere l'opportunità, in un casinò, di giocare in un colpo solo 750 contro 2.000 con probabilità di vincere superiore al 50%?

Kovalski :
22/05/2015 17:59

Avrei accettato i750, mi avvrebbero permesso sicuramente "di ritornare in
pista", con una condotta di gioco magari meno dissenata della
precedente.

Commenting has been disabled.
Editoriali
La cassa degli errori La cassa degli errori

Sbagliare è umano, ma se a farlo è la macchina?

I polli dalle uova d'oro I polli dalle uova d'oro

Li chiamano tornei di roulette ma non sono altro che un modo subdolo per fare soldi

Non è il gioco ma è il giocatore Non è il gioco ma è il giocatore

Una buona condotta di gioco è il primo fattore di successo per riuscire a vincere alla roulette

Tutto in una fiche… Tutto in una fiche…

Incredibile finale dell'Italian Roulette Championship !!! Il vincitore si aggiudica il torneo per una sola fi ...

Bot da orbi Bot da orbi

Le nuove tecnologie possono esserci utili, basta tenere bene gli occhi aperti e non farsi fregare

Il lato oscuro della Roulette Il lato oscuro della Roulette

Esperti, professionisti, studiosi e giocatori abituali lo sanno: vincere o perdere alla roulette è soprattutt ...

Evitare di perdere o cercare di vincere ? Evitare di perdere o cercare di vincere ?

Capire come inconsciamente cambia il comportamento del giocatore durante una sessione di gioco può essere fon ...

Side bet alla roulette Side bet alla roulette

Nuovi tavoli e nuove combinazioni per catturare sempre più nuovi giocatori

Se lo dice internet... Se lo dice internet...

Siamo sicuri che commenti e recensioni in rete siano affidabili ?

Giocare alla roulette per sopravvivere alla crisi ? Giocare alla roulette per sopravvivere alla crisi ?

Nei momenti di difficoltà c'è chi ricorre al gioco per raddrizzare la baracca

La madre dei furbi è sempre incinta La madre dei furbi è sempre incinta

C'è un oceano di giocatori affamati ed aumentano i pescatori senza scrupoli...

Chi si ferma non è perduto Chi si ferma non è perduto

Una sosta fa sempre bene, alla roulette la gestione delle soste può fare la differenza.

Finché la chance va... Finché la chance va...

E' meglio seguire una serie in calore o è meglio puntare sulla sua interruzione, oppure è più saggio attend ...

Quando il payout diventa il peyote Quando il payout diventa il peyote

Quando i casinò danno i numeri delle vincite i giocatori cominciano a "dare i numeri"

Nuovo rivoluzionario libro sulla roulette Nuovo rivoluzionario libro sulla roulette

In anteprima e ad un prezzo di favore potrete avere il libro del famoso professor Dellagioia Massimo. L'invent ...

Il fine non giustifica i "pezzi" Il fine non giustifica i "pezzi"

Quanto è giusto rischiare per ottenere una vincita alla roulette?

Play foolish, play hungry Play foolish, play hungry

Prendo spunto dal discorso di Steve Jobs ai giovani di Standford, diventato il suo testamento spirituale per l ...

Un'ondata di nuovi giocatori Un'ondata di nuovi giocatori

Cambiano le tecnologie e gli utenti ma l'approccio alla roulette è sempre lo stesso... purtroppo

Esistono ancora le roulette difettose ? Esistono ancora le roulette difettose ?

I grandi vincitori del passato hanno sfruttato un difetto della ruota, oggi farlo è più difficile, ma non im ...

Ma tu vinci alla roulette? Ma tu vinci alla roulette?

Un conto è predicare e un conto è razzolare, e quando si tratta del gioco non si scherza ed è giusto rispon ...

Ma sono vere roulette? Ma sono vere roulette?

Ma c'è da fidarsi delle roulette automatiche con l'aria compressa che spinge la pallina ?

Il ghepardo e la gazzella Il ghepardo e la gazzella

Il ghepardo non corre avanti e indietro nella savana inseguendo tutte le gazzelle e sperando che una di queste ...

Al casinò con il computer Al casinò con il computer

Tra le domande che spesso ci arrivano in redazione c’è quelle in cui ci chiedono se è possibile portare il ...

Andiamo a cercar funghi Andiamo a cercar funghi

Questa è la frase che utilizza un amico quando mi chiama per propormi un assalto alla roulette. Non è per na ...

Guadagnare 20 pezzi al giorno Guadagnare 20 pezzi al giorno

Ma sarebbero davvero sufficienti per sbancare il casinò e vivere di rendita?

Ma le roulette live sono truccate? Ma le roulette live sono truccate?

Puntavo nero e sono 12 rossi di fila, sicuramente è truccata. E io puntavo rosso e ho vinto: meno male che er ...

Non è vero che non mi piace vincere: mi piace vincere rispettando le regole.

Zdenek Zeman