Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Cos'è la vittoria ?

Tutti vogliono vincere ma non tutti sono capaci di vincere

Non c'è giorno in cui non arrivi in redazione un email chiedendo di indicare quale, tra i sistemi e le strategie pubblicate sul sito, sia la più vincente e noi rispondiamo sempre allo stesso modo: dipende.

Tra i vincitori della roulette il migliore è stato il Principe Canino. Nessuno sa il metodo o forse come raccontano le cronache non ne aveva uno, ma ha giocato forte, ha vinto tanto e non è più tornato al casinò.

Quanti tra i giocatori di roulette definirebbero questo giocatore un vincente? pochi, forse nessuno, direbbero solo che ha avuto un gran c... ed è stato vincente solo perchè non ci è più tornato. Quanti sono disposti ad entrare nel casinò una sola volta nella vita, rischiare una grossa cifra, vincere e non tornare più ?

Garcia, un altro grande giocatore che è stato in attivo di parecchio passava, ore e giorni consecutivi al tavolo da gioco con il suo sistema che lo portava ad alternare scoperti altissimi a vincite cospicue. Quanti sarebbero disposti a sopportare questo stress fisico e psicologico?

Il sistema migliore in assoluto da un punto di vista matematico è giocare un solo colpo su una chance semplice.

I giocatori professionisti vincenti passano ore al tavolo e talvolta tornano a casa senza nemmeno aver fatto la puntata perchè non si sono verificate le condizioni di gioco. Mi chiedo ancora: quanti sono disposti a farlo ?

Vincere è in primo luogo una condizione psicologica, non si è vincenti, ci si sente vincenti.

Come lo definireste un giocatore che si reca tutti i gironi al casinò vince 100 euro ma ne spende 90 in viaggio cene e bevande?

In Italia manca la cultura del gioco, del sacrificio, vincere deve essere facile bisogna spendere il meno possibile in tempo e denaro ed affidarsi al destino, a qualche sogno di parente deceduto o accendere un cero in chiesa. La grande diffusione della roulette ha portato orde di questo tipo di giocatori verso i tavoli virtuali e di conseguenza anche su queli reali. Giocatori che bollano la roulette come un "gioco dove non si vince niente" o più comunemente "si perde un casino".

Chi studia i sistemi, anche se perde, inconsciamente non è mai perdente perchè la sconfitta è vista come un vantaggio che lo porta a migliorare il sistema.

Le quattro C

Riassunte nei riquadri in alto ci sono le condizioni necessarie per poter vincere alla roulette: per vincere ci vogliono le 4 C.
Senza le 4 C ci si può divertire, si può portare a casa qualche quattrino, ma difficilmente si riuscirà a vincere con costanza.
Riassumendo ci vuole logica e impegno mentale, ci vuole una buona strategia finanziaria, un capitale adeguato con un obiettivo ragionevole, ci vuole la tranquillità e la freddezza che porta a non farsi coinvolgere da impulsi ed emozioni ed infine: bisonga non essere sfigati.

Detto questo se chi affronta la roulette non ha ben chiaro che cosa significhi per lui vincere ed essere vincenti, allora tutta la fatica e gli sforzi che farà saranno inutili.

Finchè la chance va...
Arrivi al tavolo e vedi sul display che sono usciti 7 rossi di fila, che fai ?



Voti : 2160