Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Editoriali Ma sono vere roulette?

Ma sono vere roulette?

di Il Direttore

Ma c'è da fidarsi delle roulette automatiche con l'aria compressa che spinge la pallina ?

Ma sono vere roulette?

Le Roulette automatiche stanno diventando una realtà sempre più presente sul territorio, non solo confinate nei casinò ma anche nelle sale bingo ed in apposite sale giochi attrezzate. Sul loro funzionamento e caratteristiche vi rimando all'apposita sezione del sito.
Vorrei invece approfittare di questo spazio per cercare di analizzare l'aspetto operativo e di conseguenza i dubbi che molti lettori ci hanno espresso sulla loro "imparzialità".

Innanzitutto dobbiamo considerare il difetto di analisi insito nel nostro DNA. Quando si vince va tutto bene e siamo dei geni, quando si perde la colpa è sempre di qualcun altro. Se un croupier fa uscire 20 rossi di fila è un evento poco probabile ma possibile fortunato o sfortunato a seconda di come stavamo giocando, se invece lo fa una roulette automatica (oppure on-line) sia che si vinca, che si perda o che lo si osservi semplicemente, il primo pensiero è che la roulette sia truccata.

Cominciamo con il chiederci perché hanno successo le roulette automatiche. Tolgono poesia e fascino al gioco, non si usano le fiche, manca la figura del croupier eppure i casinò ne stanno installando sempre di più, trasformandosi da grandi sale da gioco in grandi sale giochi.
Da un punto di visto pratico come dare loro torto, per i casinò il vantaggio è innegabile. Minor costo di personale (diminuzione dei costi), maggiore velocità di gioco (aumento degli incassi). Ai fini della nostra analisi sulla correttezza basterebbe solo questo a far sì che sia lo stesso casinò a pretendere che la roulette sia più il regolare possibile.

Ma i vantaggi non si fermano qui. Si azzera il rischio di subire perdite dovuti ad errori umani degli operatori (croupier e/o ispettori) che più o meno volontariamente possono arrecare un danno economico (pagamenti errati, puntate ritardate, ecc). Non ci sono discussioni su puntate e pagamenti che nuocciono all'immagine, fanno sentire il giocatore debole poco tutelato e rallentano lo svolgimento del gioco. Si riduce l'usura della macchina e di conseguenza le spese di manutenzione; infatti la roulette rinchiusa nella campana di vetro non raccoglie al suo interno la polvere e le impurità presenti ai vari tavoli e non subisce sbalzi di temperatura ed umidità.

Questo ci porta dritti al concetto di regolarità. Le roulette automatiche danno più garanzia di "casualità" rispetto a quelle utilizzate ai tavoli regolari dai croupier. Che l'avere una roulette "perfetta" sia o meno un vantaggio per il giocatore è un tema di discussione che affronteremo in un altra occasione. Qui ci limitiamo a sottolineare che viene a mancare la discrezionalità del croupier; che volendo può tirare la pallina sempre alla stessa velocità o partire sempre dalla stessa posizione.
Nella roulette automatica l'operazione di lancio sfrutta la generazione dei numeri casuali per mischiare i tre eventi principali:
il piatto viene fatto girare ad una velocità regolare che varia ad ogni lancio
il software varia l'intervallo di tempo tra la partenza della ruota ed il lancio della pallina
la pallina viene lanciata mediante dei getti di aria compressa la cui intensità varia leggermente ad ogni lancio.

Ovviamente la macchina perfetta non esiste,sono fabbricate dagli stessi produttori di quelle tradizionali e quindi il controllo di qualità è ottimale. Ma anche queste roulette sono soggette a piccole imperfezioni meccaniche a non essere in bolla, ma per ciò che abbiamo potuto appurare parlando con gli operatori del settore, fornire un prodotto che dia le maggiori garanzie di "casualità" è l'obiettivo di tutte le case produttrici, più la macchina è perfetta più i loro clienti (che non sono i giocatori ma i casinò) saranno soddisfatti e potranno così considerare quel 2,7% di margine sui soldi puntati un fisso e non una variabile.

Gio :
06/01/2013 20:07
Mi sono sempre trovato d’accordo con chi pensava che le automatiche fossero normali roulette. Una roulette non ha bisogno di essere truccata per restare in attivo (almeno a lungo termine). Ho sempre riposto una tale fiducia in questa idea, che da anni gioco alle automatiche di Campione senza neppure guardare la ruota mentre gira, ma fissando solo il mio monitor. Poi, recentemente (da un paio di settimane), visto che altri giocatori si lamentavano di cose strane, ho deciso di iniziare a guardare. Ebbene, la maggior parte dei colpi è regolare, ma ogni tanto (e sottolineo: ogni tanto), accade qualcosa di strano. Oggi ho visto letteralmente la pallina entrare nel 25 e poi uscire spinta in modo del tutto innaturale per spostarsi alcuni numeri più in là. All’inizio ho pensato ad un magnete che l’aveva risucchiata, poi un altro giocatore (che ha osservato lo stesso fenomeno), ha detto: “No, è stata spinta fuori con un getto d’aria”. In effetti, ripensandoci, avete mai visto quei giochi nei quali una pallina resta in alto grazie a un getto d’aria? Ecco, se avete presente il movimento che fa questa pallina, potete visualizzare quello che oggi io ed altre due persone abbiamo visto a Campione. Come detto, non ero solo, e questa percezione l’abbiamo avuta in tre (non siamo amici e non giocavamo insieme). Non è la prima volta che mi capita negli ultimi giorni, ma se le altre volte potevo credere di essere io ad avere problemi, questa volta la percezione è stata comune, e tutti siamo stati d’accordo sul fatto che il movimento col quale la pallina si è spostata dalla casella in cui era entrata per finire in un’altra è stato del tutto innaturale, come se un forte getto d’aria l’avesse respinta via. Preciso che in quel momento non stavo neppure giocando, ma solo osservando, e comunque ho chiuso la mia sessione di gioco in attivo. Non scrivo questo per lamentarmi, ma solo perché sarebbe opportuno sapere come stanno le cose. Penso che il 95% delle boule sia regolari, ma ogni tanto si vedono movimenti che uno immaginerebbe solo a un Luna Park. Chiaro che la statistica non ne esce alterata; non è questo il punto. Ma se una persona è a giocare su una ruota che qualcuno (o un sistema) può controllare per allontanare la pallina da un numero vincente, il cliente avrebbe almeno il diritto di saperlo.
BLACK&RED :
18/10/2014 19:53

Egr. Direttore, ho giocato molto spesso in Slovenia a questi tipi di macchine in quanto sono molto più veloci dei tavoli (pagamenti discussioni etc). Mi sono sempre difeso bene a dire il vero ma ultimamente ne hanno installata una di nuovissima (non cito il casino).
Bhe una vera succhiasangue. 18 ritardi vicini, e poi lei coosceà bene la marigny che non puo superare il valore di 5, sono arrivato a 5,8.
Mi ha distrutto!
Non è truccata? penso di no! ma l'hanno costruita molto bene pero.

Fabrizio :
22/10/2014 15:08

Ho letto il commento e confermo che le Roulette automatiche presentano il "rimbalzo anomalo" della pallina quando ormai e' gia' quasi ferma in sede di arrivo naturale...
Ecco che mi collego anche al commento del lettore successivo il quale con stupore ha "subito" la tortura innaturale.

In difesa delle Roulette automatiche tuttavia non e' onesto dire che comunque un numero o un altro e' lo stesso solo perche' le probabilita' sui grandi numeri restano immutate, poiche' dal momento che non e' un esercizio matematico ma bensi' giochiamo per SOLDI, non e' giusto eludere delle vincite con il trucco!!

Uzzo :
22/10/2014 16:04

Concordo coi commenti precedenti, il problema di queste nuove macchine col getto d'aria, a differenza di quelle che "le ingoiano", qualche dubbio lo fanno venire anche ai benpensanti irriducibili.
Un numero ben caricato di puntate potrebbe venir soffiato via, e forse avviene davvero.

La soluzione è non giocarci, oppure cercare di sfruttare questa "tecnologia" a nostro vantaggio.
A differenza di molte roulette "vere" tutte le roulette automatiche hanno i separatori più alti, le caselle un po' più strette e a volte le palline un po' più larghe. A queste roulette quindi, se le palline non sono troppo leggere, si vedono molto meno salti pazzeschi, attraversamenti della campana e palline in stallo. Quando la pallina cade di solito non rimbalza di molto.

Il vantaggio è che in queste col getto la pallina parte sempre dall'ultimo numero uscito, perché viene soffiata via direttamente dalla casella, quindi è l'ideale per il gioco sulle distanze.
Per minimizzare il rischio dei rimbalzi "malandrini" io gioco occupando settori dai 7 ai 15 numeri a seconda del metodo adottato.
Non ho tenuto ancora una statistica precisa, ma l'impressione di fondo è che per i giochi sulle distanze queste sembrano più "regolari" di quelle col croupier.

black&red :
25/10/2014 14:14

chi sa se la velocità della ruota in queste macchine (diversa da macchina a macchia ovvio) resta costante sempre oppure può variare?
la prossima volta rischio e mi porto un cronometro...
perché se è sempre costante............... bhe .. ce da lavorare tanto allora, appunto sulle distanze .. e con i tempi che hanno costanti e uguali tra un tiro e l'altro.
quella di cui io mi riferivo nel post precedente "fortunatamente" ha un solo punto di uscita della pallina (altre ne hanno 3 differenti lungo tutta la circonferenza) ... chi sa di questa notizia la posti qui ..
forza che come dice una massima qui esposta.. "non abbiamo perso, abbiamo solo finito i soldi .. "

enzo :
14/06/2015 21:08

sono tutte truccate basta spostarsi in un tavolo con croupier per rendersene conto quasi sempre infatti finirete sotto coi soldi inseriti es se avete messo 200 euro magari vi manda sotto di 150 per poi farvi recuperare con un buon colpo 100 e poi piano piano mandarvi a 0 esattamente come fanno le slot per questo più volte mi son rivolto all' ispettore dicendogli di chiamarle slot e non roulette automatiche.

Commenting has been disabled.
Editoriali
Chi non si ferma è perduto Chi non si ferma è perduto

La roulette non perdona e un giocatore deve sapersi fermare in tempo altrimenti...

La cassa degli errori La cassa degli errori

Sbagliare è umano, ma se a farlo è la macchina?

I polli dalle uova d'oro I polli dalle uova d'oro

Li chiamano tornei di roulette ma non sono altro che un modo subdolo per fare soldi

Non è il gioco ma è il giocatore Non è il gioco ma è il giocatore

Una buona condotta di gioco è il primo fattore di successo per riuscire a vincere alla roulette

Tutto in una fiche… Tutto in una fiche…

Incredibile finale dell'Italian Roulette Championship !!! Il vincitore si aggiudica il torneo per una sola fi ...

Bot da orbi Bot da orbi

Le nuove tecnologie possono esserci utili, basta tenere bene gli occhi aperti e non farsi fregare

Il lato oscuro della Roulette Il lato oscuro della Roulette

Esperti, professionisti, studiosi e giocatori abituali lo sanno: vincere o perdere alla roulette è soprattutt ...

Evitare di perdere o cercare di vincere ? Evitare di perdere o cercare di vincere ?

Capire come inconsciamente cambia il comportamento del giocatore durante una sessione di gioco può essere fon ...

Side bet alla roulette Side bet alla roulette

Nuovi tavoli e nuove combinazioni per catturare sempre più nuovi giocatori

Se lo dice internet... Se lo dice internet...

Siamo sicuri che commenti e recensioni in rete siano affidabili ?

Giocare alla roulette per sopravvivere alla crisi ? Giocare alla roulette per sopravvivere alla crisi ?

Nei momenti di difficoltà c'è chi ricorre al gioco per raddrizzare la baracca

La madre dei furbi è sempre incinta La madre dei furbi è sempre incinta

C'è un oceano di giocatori affamati ed aumentano i pescatori senza scrupoli...

Chi si ferma non è perduto Chi si ferma non è perduto

Una sosta fa sempre bene, alla roulette la gestione delle soste può fare la differenza.

Finché la chance va... Finché la chance va...

E' meglio seguire una serie in calore o è meglio puntare sulla sua interruzione, oppure è più saggio attend ...

Quando il payout diventa il peyote Quando il payout diventa il peyote

Quando i casinò danno i numeri delle vincite i giocatori cominciano a "dare i numeri"

Nuovo rivoluzionario libro sulla roulette Nuovo rivoluzionario libro sulla roulette

In anteprima e ad un prezzo di favore potrete avere il libro del famoso professor Dellagioia Massimo. L'invent ...

Il fine non giustifica i "pezzi" Il fine non giustifica i "pezzi"

Quanto è giusto rischiare per ottenere una vincita alla roulette?

Play foolish, play hungry Play foolish, play hungry

Prendo spunto dal discorso di Steve Jobs ai giovani di Standford, diventato il suo testamento spirituale per l ...

Un'ondata di nuovi giocatori Un'ondata di nuovi giocatori

Cambiano le tecnologie e gli utenti ma l'approccio alla roulette è sempre lo stesso... purtroppo

Esistono ancora le roulette difettose ? Esistono ancora le roulette difettose ?

I grandi vincitori del passato hanno sfruttato un difetto della ruota, oggi farlo è più difficile, ma non im ...

Ma tu vinci alla roulette? Ma tu vinci alla roulette?

Un conto è predicare e un conto è razzolare, e quando si tratta del gioco non si scherza ed è giusto rispon ...

Ma sono vere roulette? Ma sono vere roulette?

Ma c'è da fidarsi delle roulette automatiche con l'aria compressa che spinge la pallina ?

Il ghepardo e la gazzella Il ghepardo e la gazzella

Il ghepardo non corre avanti e indietro nella savana inseguendo tutte le gazzelle e sperando che una di queste ...

Al casinò con il computer Al casinò con il computer

Tra le domande che spesso ci arrivano in redazione c’è quelle in cui ci chiedono se è possibile portare il ...

Andiamo a cercar funghi Andiamo a cercar funghi

Questa è la frase che utilizza un amico quando mi chiama per propormi un assalto alla roulette. Non è per na ...

Guadagnare 20 pezzi al giorno Guadagnare 20 pezzi al giorno

Ma sarebbero davvero sufficienti per sbancare il casinò e vivere di rendita?

Ma le roulette live sono truccate? Ma le roulette live sono truccate?

Puntavo nero e sono 12 rossi di fila, sicuramente è truccata. E io puntavo rosso e ho vinto: meno male che er ...

Porsi degli obiettivi è il primo passo per trasformare l'invisibile in visibile

Anthony Robbins