Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Giocare I giocatori L'esorcista

L'esorcista

Autore di riti propiziatori particolari, il più delle volte inutili

La roulette è fautrice del destino di migliaia di essere umani ed ognuno ha un suo modo personale per confrontarsi con la dea bendata.

L'esorcista creda fermamente nella scaramanzia e nella propria capacità di poter influenzare il proprio e l'altrui destino. Perché il croupier è il demonio che impedisce ad alcuni giocatori la felicità.

Con il tempo e l'esperienza l'esorcista ha messo da parte una serie impressionante di comportamenti e riti da officiare ogni qual volta la situazione lo richieda.

Questo tipo di giocatore alla roulette è sottoposto ad un sovraccarico di lavoro perché il destino si compie e rimette le vite in gioco ogni due minuti, ma lui è pronto e non si fa trovare impreparato.

Lo si vede muoversi in maniera strana, urlare frasi in latino o altre lingue morte, fare dei segni divinatori nei confronti dei croupier, riuscendo addirittura a spaventarne alcuni con il suo sguardo diabolico e spiritato.

Ma il meglio di se lo da quando riesce ad avvicinarsi alla ruota della roulette. In quei casi come un sacerdote di un tempio pagano propizia riti incomprensibili mentre la pallina gira indifferente sul bordo della roulette.

La sua dotazione personale di oggetti divinatori spazia dalle religioni (croci di ogni tipo) alla scaramanzia ad altri oggetti mitologici ed astrali; per ognuno di essi un gesto e una frase da utilizzare.

Non sappiamo se le puntate di questi giocatori siano vincenti ma sappiamo per certo che hanno un influenza pazzesca su altri giocatori presenti nella sala. Non sono stati rari i casi di giocatori che hanno versato qualche fiche nelle tasche dell'esorcista in cambio di qualche rito personalizzato per favorire le proprie puntate. In questi casi l'esorcista può tranquillamente vantarsi di essere uno dei pochi ad aver vinto alla roulette, o meglio, "mentre era alla roulette".

Un giocatore d'azzardo non è altro che un uomo che si guadagna da vivere con la speranza.

William Bolitho

Buono a sapersi
Dopo tre peggio per te

Se vi allontanate con una puntata su una chance semplice e questa vince, la vincita rimane sul tavolo e viene rimessa in gioco fino ad un massimo di tre volte. Dopodiché viene ripresa dal croupier insieme alla puntata iniziale come se avesse perso.