Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Conoscere Gli strumenti La roulette Com'è fatta Losanghe

Losanghe

Le Losanghe (o deflettori) vecono anche chiamate ”diamanti” per la loro forma o "canoe" per gli angolosassoni, perchèLosanghe (schema) alcuni modelli somigliano a dei piccoli kajak.
Sono degli inserti di metallo in rilievo di diverse forme geometriche ed hanno lo scopo di interrompere la corsa della pallina facendola precipitare verso il basso.

Vengono disposte in cerchio lungo tutta la superficie concava della parte fissa della roulette. La loro posizione è quasi sempre a metà della distanza tra il bordo superiore (dove scorre la pallina) ed il disco dei numeri.

Alcuni produttori (su richiesta dei casinò) preferiscono posizionarle in modo che le losanghe verticali siano il più vicino possibile al disco numerato.

Il loro numero è sempre pari e va dalle dalle 8 alle 16, posizionate alternativamente parallele o perpendicolari al bordo del cilindro.

La loro lunghezza è anch'essa variabile ed è in funzione del numero di losanghe e della superficie concava su cui poggiano, è comunque di solito compresa tra i 2 ed i 5 cm.

Lo scopo principale delle losanghe è quello di impedire che la pallina abbia una spirale discendente regolare dal momento che lascia il bordo superiore per scendere verso le caselline numerate.

Le losanghe orizzontali prolungano il percorso della pallina, mentre quelle verticali lo interrompono bruscamente, Losanga conicafacendo scendere la pallina immediatamente.

 

L'introduzione delle losanghe si è resa necessaria nel secolo scorso quando si è notato che con dei lanci a velocità costante il croupier era in grado di far cadere la pallina verso il basso sempre dallo stesso punto.

Losanga

C'è qualcosa di davvero speciale nella sensazione che provi quando solo, lontano dalla patria e dagli amici, senza neanche sapere quel che mangerai domani punti l'ultimo fiorino, proprio l'ultimo!

Fedor Dostoevsky

Buono a sapersi
Il giocatore suicida

A Montecarlo, un tempo, vista la pubblicità negativa per il crescente numero di suicidi di giocatori sul lastrico, uomini del casinò erano incaricati di intervenire a mettere dei soldi in tasca del suicida così da far credere che il gesto fosse per motivi opposti. Un giorno si sentì uno sparo e un uomo fu trovato a terra agonizzante proprio vicino al casinò. I solerti addetti gli riempirono le tasche di denaro. Quando arrivò la polizia del cadavere si erano perse le tracce e c'è chi sostiene di averlo visto fresco e arzillo giocarsi i quattrini al tavolo della roulette.