Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Raccolta articoli e pubblicazioni Vincere o perdere è questione di stile

Vincere o perdere è questione di stile

di Nardolio

La riuscita di una serata al tavolo della roulette non è data solo dalla combinazione scelta , dal tipo di puntata, dal capitale iniziale, ma sopratutto dalla condotta di gioco

Vincere o perdere è questione di stile

Tre giocatori ad un tavolo di roulette decidono di giocare le chance semplici, tutti e tre partono con lo stesso capitale iniziale 300 Euro, tutti quanti puntano la stessa cifra a massa uguale per tutta la serata e cioè 30 Euro e tutti quanti hanno l'obiettivo di continuare a giocare finchè non hanno raddoppiato il capitale (300 Euro di vincita).

Antonio punta 30 Euro sul rosso
Beppe punta 15 Euro sul rosso e 15 Euro sul dispari
Carlo punta 10 Euro sul rosso, 10 Euro sul dispari e 10 Euro sul manque

Tutti e tre i giocatori hanno puntato 30 Euro ma hanno distribuito le puntate sulle chance semplici in maniera differente.
Il vantaggio del banco nei loro confronti è il medesimo e la probabilità di vincita su ognuna combinazione è la stessa per tutti: 48,6%.
Ma se calcoliamo la probabilità di vincita ad ogni puntata di ogni singolo giocatore il quadro cambia.

+30 Euro +10 Euro 0 -10 Euro -30 Euro
Antonio 48.6 % - - - - - - 51.4%
Beppe 23.7 % - - 50% - - 26.3%
Carlo 13.5% 35.1% - - 35.1% 16.3%

Lo stile diverso di gioco comporta quindi una stortatura del 48.6% di probabilità delle chance semplici, rendendo così diverso il trascorrere della serata per i tre giocatori.

Ad ogni puntata:
Antonio avrà 18 numeri (rosso) con cui vincere e 19 con cui perdere (nero e zero)
Beppe avrà 10 numeri per vincere (rosso dispari), 16 per pareggiare (rosso pari e nero dispari) e 11 per perdere (nero pari e zero)
Carlo avrà 18 numeri vincenti (rosso dispari manque, rosso dispari passe, rosso pari manque e nero dispari manque) e 19 numeri perdenti (rosso pari passe, nero pari manque, nero pari passe, nero dispari passe e lo zero)

Ricordiamo che tutti i giocatori si sono posti l'obiettivo di arrivare a 300 Euro ed è proprio l'avere un obiettivo che determina la grossa differenza tra i diversi stili di gioco.

ANTONIO
E' quello dei tre che capitalizza al meglio la giocata. Ogni colpo vinto gli frutta 30 pezzi e logicamente sarà il giocatore che avrà più probabilità rispetto agli altri di raggiungere l'obiettivo. Al tempo stesso però è anche il giocatore che rischia di più, ed è quello che ha più probabilità di finire in bancarotta. Il suo stile di gioco è quindi ad alto rischio, richiede una grossa dose di freddezza e può finire (nel bene o nel male) molto presto.

BEPPE
Dividendo il rischio su due puntate Beppe allunga i suoi tempi di gioco, dimezza il rischio di ogni puntata, ma al tempo stesso si allontana dall'obiettivo e la sua probabilità di successo si riduce rispetto ad Antonio. Beppe ha un maggior vantaggio psicologico, perchè perdendo la metà delle volte vedrà erodersi il suo capitale più lentamente. La pressione quindi nei momenti negativi diventa più tollerabile.

CARLO
Il suo metodo di gioco è quello che lo farà durare di più al tavolo. Con i suoi 300 Euro probabilmente giocherà tutta la serata senza mai rischiare di finire in bancarotta. E' chiaro però che questa tranquillità si paga in termini di vittorie, per lui l'obiettivo dei 300 Euro è quasi un miraggio. A differenza degli altri due si troverà nella favorevole condizione di raccogliere fiches dal tavolo (in vincita o in perdita di un solo pezzo) nell'86,5% dei casi. Tutto ciò influenza l'umore: non si annoia, da l'impressione al tavolo di vincere sempre suscitando ammirazione degli altri giocatori.

Le considerazioni finali a questo punto risultano superflue. Dall'esempio appare evidente come la riuscita di una serata al tavolo della roulette non è data solo dalla combinazione scelta (semplici o multiple), dal tipo di puntata (massa uguale o progressione), dal capitale iniziale o dall'ammontare di ogni puntata, ma anche dalla condotta di gioco.
Ogni giocatore ha un modo diverso di affrontare la roulette: chi va solo per vincere anche solo un pezzo non importa come, chi vuole farsi vedere, chi vuole stare a giocare a lungo, chi si annoia se non punta sempre, etc. Ognuno deve trovare il proprio stile, solo allora smetterà di pensare alla roulette come ad un azzardo puro ed inizierà a vederla per quello che è: un gioco.

Dello stesso autore
  • La regola del 5 La regola del 5

    Un suggerimento di un giocatore a chi si domanda quale debba essere il capitale per poter affrontare la roulette.

  • La strategia probabilistica La strategia probabilistica

    Scegliere le combinazioni di gioco in funzione del risultato che vogliamo ottenere e non solo e sempre sulle solite combinazioni preferite

Sullo stesso argomento
Il sistema di Natale Il sistema di Natale

Un alberello di fiches

Il valore atteso Il valore atteso

Quello che mi appresto a spiegare è un metodo basato sulla matematica e la statistica per il gioco della roulette. Saranno accennati argomenti di teoria combinatoria, eventi aleatori e variabili b...

Il colpo singolo Il colpo singolo

Esaminando le permanenze con il “permanenzimetro”, ho visto che molto spesso i colpi isolati sono inframmezzati da serie della chance opposta

Il quadrato magico del sole

Sfruttare il quadrato magico del sole per giocare sulle sestine

Le figure

Prendere le serie di combinazioni come riferimento per giocare

la roulette al cinema
Crashing Las Vegas (1956)
Crashing Las Vegas (1956)

Non lasciavo mai la mancia al croupier, perchè con la roulette io volevo guadagnare mica far beneficienza

Gonzalo Garcia Pelayo