Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Raccolta articoli e pubblicazioni Sfatiamo un mito

Sfatiamo un mito

di J.T.K

E’ il vostro comportamento a definire un sistema vincente, in caso di vincita o di perdita

Sfatiamo un mito

Molti esperti di roulette affermano che per poter essere definito “vincente”, un sistema deve reggere senza saltare almeno a un paio di milioni di boules. E’ sempre vero??

Certo, secondo logica, la prova scientifica deve tener conto di un certo numero di dati, e più i dati sono numerosi, più l’esperimento è significativo.
Per come la vedo io è un’emerita cantonata., dato che lo so già che il sistema alla lunga perderà, come ho appena scritto sopra. Quindi me ne frego del milione o due di boules che me lo fanno saltare.

Non può non saltare, per un motivo solo: Se vi giocate il 13 ed esce il 12 avete perso. E NESSUNO potrà mai garantirvi che il 13 assente da 102 boules non resterà assente per altre 102. Se giocate la serie R-N-R-N-R-N-R-N ed esce N-R-N-R-N-R-N-R perdete. E in due milioni di boules la troverete sicuramente.
Quindi che giochiamo a fare un sistema se sappiamo che salterà? Beh, c’è il trucco: il discorso è sapere quando salta e soprattutto di quanto, ma qui mi viene in soccorso il concetto di stoploss. Ne parleremo più avanti.

Torniamo ai due inutili milioni di boules:
Poniamo che siate giocatori professionisti, che si mantengono con la roulette. Ogni giorno andate al casinò a giocare per quattro-cinque ore. Il sabato e la domenica ovviamente state a casa, quindi giocate una media di 100-120 colpi al giorno per 5 giorni a settimana.
Ebbene, 120 colpi al giorno per 5 giorni a settimana per 30 anni (una vita!!) sono in tutto 864.000 colpi.

Adesso, mi dite che diavolo ve ne può importare se in 2 milioni di colpi il vostro sistema non regge???
Dovreste già saperlo, no? Ve lo ripeto ancora: NON REGGE!!!
Io direi che vi deve bastare che regga per 120 colpi! Magari esagerando per 300 colpi. Di più non serve, più di quei 300 colpi filati (10 ore di seguito al tavolo, gente, chi ce la fa???? Io no di certo!!) non li giocherete mai comunque.

Quello che dobbiamo arrivare a fare, è perdere POCO quel giorno, e vincere MOLTO negli altri giorni.

Certo, l’obiezione scontata dice che se esamino due milioni di colpi sono ragionevolmente certo di aver considerato tutti i casi che potrebbero capitare in soli 100 colpi, e posso essere sicuro che –se non perdo in 2 milioni di colpi- non perderò in 100 colpi.
Risposta: Chi se ne frega!!!!

Io lo so benissimo che qualsiasi sistema prima o poi perde. Me ne frego di dimostrare una cosa che so già. Non mi servono due milioni di colpi per dire che un sistema è perdente.
Semmai mi servono 20.000 partite da 120 colpi, è lì che si vede quando, e soprattutto, quanto perde.

Se per 21 giorni di seguito vince 6 pezzi e ne perde 100 il 22°, credetemi: è un affarone. Chi la pensa diversamente non ha idea della realtà, secondo me.
Quindi, stiamo sulla terra, per cortesia. Mai nessuno giocherà 2 milioni di colpi, mai nessuno riuscirà a stabilire con certezza che un sistema è vincente sempre e comunque. Ma a noi non importa, noi lo sappiamo che perderemo, prima o poi.

Quello che dobbiamo arrivare a fare, è perdere POCO quel giorno, e vincere MOLTO negli altri giorni.

Dite che ho scoperto l’acqua calda? Ebbene si…
Il discorso allora è La soluzione è data dal concetto di stoploss.

Gli stoploss

Questa parolina magica, vuol dire semplicemente “più di quella cifra non posso perdere”.
Non a caso ho scritto che il 22° giorno il sistema perde 100 pezzi. Se ne perdesse 150 ci sarebbe una differenza abissale. Ma se voi ne avete solo 100, la volta che perdete (ed accadrà, ormai lo dovreste dare per scontato) rimarrete sempre e comunque in vantaggio. Questo discorso l’ho fatto per un mese di gioco, se lo faceste per 30 anni non cambierebbe di una virgola.

E’ il vostro comportamento a definire un sistema vincente, in caso di vincita o di perdita. Se perdete la cifra che vi siete posti come limite, andate via sconfitti, ma andatevene e basta, non è la partita che conta, ma il campionato.

Pare ovvio che lo stoploss deve essere categorico, senza eccezioni, netto e definitivo. Chi pensa “adesso mi rifaccio”, l’ho scritto sopra, è un uomo destinato molto presto a separarsi dai suoi soldi. E attenti: Questo discorso vale anche per lo stopwin! Nessuno potrà mai dirvi quando, nelc corso di una partita, la permanenza portà improvvisamente “imbizzarrirsi” e lasciarvi in braghe di tela, quindi non pensate MAI di esere “nel giorno fortunato” aumentando le puntate.

E’ un concetto importante almeno quanto lo stoploss: al casinò si va per lavorare, una volta che avete l’obiettivo andate via come il vento, andate a vivere.
Se volete giocare professionalmente, il rendimento di un sistema è la cosa che deve interessarvi, non potete pretendere di vincere milioni in una sola seduta, lo ribadisco, un pezzo al giorno è un rendimento straordinario!

Valerio - LODI :
21/08/2014 03:22

Condivido totalmente!
I sistemi vanno bene tutti, ma è il rigore nell'applicazione degli stessi che fa la differenza. Il rispetto degli stoploss e degli stopwin, il budget iniziale adeguato agli attacchi che si vogliono portare.
Personalmente sto cercando la giusta proporzione fra stoploss e stopwin. E' chiaro che dipende dai sistemi che voglio applicare, ma credo che un rapporto inferiore a 4:1 sia improponibile. Questo però comporta che devo vincere 8 partite su 10 per essere a pari... una bella sfida...
Cosa ne pensate?

pitbull :
15/05/2015 11:18

buondi, che controsenso l'articolo pubblicato "senza offesa"
mi soffermo sulla dicitura:
Io lo so benissimo che qualsiasi sistema prima o poi perde.
QUINDI PERCHÉ GIOCARCI?
questa frase ti do ragione:
((un pezzo al giorno è un rendimento straordinario!))

CERTO NON SERVE A NULLA MILIONI DI BOULES AD UN SEMPLICE NEOFITA!
UN VERO PROFESSIONISTA DI GIOCO, HA UN AMPIEZZA STATISTICA DOVE PUÒ ARRIVARE LA ROULETTE ECCO COSA SERVE SIMULARE MILIONI E MILIONI DI BOULES

per finire applicare uno stoploss /win la regola e:
le giocate nel breve può' succedere di tutto, e alla fine tanti brevi periodi messi insieme diventano un lungo periodo, e nel lungo periodo prima o poi "vince la matematica"e inutile fare tante partite brevi.....alla fine tanti brevi periodi messi insieme diventano un lungo periodo
LA FORZA DELLA ROULETTE STA NEL LUNGO PERIODO

ora e chiaro il concetto TEST MILIONI DI BOULES

saluti alla redazione

NERO :
28/05/2015 23:34

Questo articolo e' un must per chiunque voglia fare della roulette un business redditizio. Da leggere e rileggere almeno una volta al giorno...
No, signori miei i sistemi NON sono tutti uguali. Il professionista deve badare al rendimento del sistema alla sua efficienza ed efficacia. Applicare la corretta gestione del sistema di gioco (stop win, stop loss, ecc, ecc) e' fondamentale se applicato ad una strategia valida, altrimente e' tempo perso. Le strategie valide sono poche e serve una vita di studi per individuarle. Purtroppo sono nascoste sotto una montagna di fesserie. La matematica e' utile per lo studio della roulette se si arriva a capirne l'intrinseca natura, altrimenti e' pericolosa e fuorviante... Testare milioni di spin ? Seghe mentali per matematici falliti...

Filippo :
29/05/2015 13:17

Noto che da piu' parti in rete, nei forum, ecc, sedicenti esperti di matematica e di roulette spingono la teoria : sistemi = gioco a caso.

Mi chiedo, ma che interessi hanno ???

Forse quello di convincere i giocatori a non impegnarsi nella ricerca di sistemi vincenti ma di giocare invecie a caso, che tanto matematicamente e' lo stesso. Quindi alla fortuna, quindi d'azzardo.

Esattamente quello che vogliono i casino' : che il giocatore non giochi sistemi ma giochi d'azzardo.

QUINDI MATEMATICI AL SOLDO DEI CASINO ???

Commenting has been disabled.
Dello stesso autore
  • Ferrer 2012 Ferrer 2012

    Il “grafico universale di Ferrer” spiega un particolare modo di attaccare con progressiva copertura del tappeto, fino alla vittoria assicurata. Avendolo ripreso in mano ultimamente, ho pensato...

  • ... numeri ? ... numeri ?

    Ho deciso di condividere il mio punto di vista a proposito di cosa andare a cercare quando si prepara la selezione del colpo.

  • Il colpo singolo Il colpo singolo

    Esaminando le permanenze con il “permanenzimetro”, ho visto che molto spesso i colpi isolati sono inframmezzati da serie della chance opposta

  • Consigli al giocatore Consigli al giocatore

    Se li seguirete, magari non vi faranno diventare milionari, ma potrete per lo meno cercare di restare assieme ai vostri soldi abbastanza a lungo da portare a casa qualche pezzo

  • Il cammino verso la vittoria Il cammino verso la vittoria

    L'importanza della selezione del colpo per cercare di riuscire ad ottenere un vantaggio a massa pari

  • Alla carica ! ... anzi no ! Alla carica ! ... anzi no !

    aspettare il momento giusto per attaccare è la cosa più difficile in assoluto, perché spesso non si ha la possibilità o la voglia di attendere le condizioni più opportune per piazzare la fiche

  • Giocare non è un gioco Giocare non è un gioco

    Consigli a chi si avvicina al mondo della roulette e a chi si è dimenticato che come in tutti i giochi le esperienze dovrebbero insegnare a non ripetere più gli stessi errori

  • La perdita inevitabile La perdita inevitabile

    Tra simulare una giocata a casa ed effettuarla al tappeto c'è una bella differenza. Saper mantenere il controllo nelle inevitabili fasi negative è un requisito essenziale

  • La capitalizzazione del pezzo La capitalizzazione del pezzo

    La gestione del capitale è uno dei requisiti base per vincere alla roulette. Cercare di massimizzare le vincite minimizzando il numero di pezzi può essere la chiave.

Sullo stesso argomento
Un esempio da seguire Un esempio da seguire

Siete disposti ad andare al casinò a registrare 500 boules al giorno per due mesi ?

Togliere il pezzo sopra Togliere il pezzo sopra

Lasciare su il pezzo sopra può sembrare una scelta sensata, ma non è certamente la migliore

Le tabelle di Sextius

Vincita massima possibile Vincita massima possibile

Il maggior numero di pezzi che è possibile vincere in una sola puntata

Massimizzare la singola puntata

Pochi colpi ma buoni

la roulette al cinema
Topper takes a trip (1938)
Topper takes a trip (1938)

C'è qualcosa di davvero speciale nella sensazione che provi quando solo, lontano dalla patria e dagli amici, senza neanche sapere quel che mangerai domani punti l'ultimo fiorino, proprio l'ultimo!

Fedor Dostoevsky