Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Raccolta articoli e pubblicazioni Lessons from "The gambler"

Lessons from "The gambler"

di Il Direttore

Da una vecchia canzone country dei consigli di gioco evergreen

Lessons from "The gambler"

Pochi mesi fa è scomparso Kenny Rogers uno dei più grandi performer della musica country.

Il suo più grande successo “The Gambler” del 1978 è un classico, un evergreen nelle classifiche delle migliori canzoni country di tutti i tempi, una canzone che le radio del genere ripropongono frequentemente.

L’intrigante testo scritto da Don Shlitz è profondamente  attuale e seppur ambientato nel mondo del poker contiene delle lezioni per tutti i giocatori d’azzardo, compresi noi della roulette.


La canzone narra l’incontro casuale in treno tra un uomo e un vecchio giocatore di poker sul viale del tramonto. Il giocatore (the gambler) gli propone uno scambio di favori. Un sorso di whiskey dell’uomo,  per dei preziosi consigli da uno che nella vita le ha viste di tutte.




Come dicevo sopra sono consigli che ogni giocatore di roulette dovrebbe seguire, vediamoli nel dettaglio

 

If you're gonna play the game, boy
You gotta learn to play it right
Se hai intenzione di giocare,
devi imparare a farlo nel modo giusto


È il mantra del nostro sito “la fortuna va e viene, la conoscenza rimane”.
Dobbiamo sapere tutto, probabilità, combinazioni, puntate, limiti, disposizione dei numeri, tempi, statistiche, regole di comportamento.

Al casinò o in remoto è importante avere le basi prima di buttarsi a puntare. E prima fra tutte, il banco ha un vantaggio sul giocatore. Non è un gioco equo come testa o croce, più giochiamo e più “la tassa” si fa sentire.

 

You've got to know when to hold 'em
Know when to fold 'em
Know when to walk away
And know when to run
Devi sapere quando proseguire,
sapere quando smettere,
sapere quando andar via
e sapere quando correre


Anche se riferito al poker il consiglio è universale. Dobbiamo avere una strategia di gioco, non importa quale sia, è fondamentale non giocare a caso. Seguire l’istinto può produrre colpi fortunati, ma è un suicidio.
Dobbiamo avere sempre chiaro quando continuare, quando fermarci, quando interrompere la sessione e quando tornare a casa.
I giocatori di roulette hanno il controllo della situazione, siamo noi che decidiamo i tempi del gioco. Saper gestire questo potere è la chiave per sopravvivere al tavolo.

 

You never count your money
When you're sittin' at the table
There'll be time enough for countin'
When the dealin's done
Non contare mai i soldi
quando sei seduto al tavolo
ci sarà tempo a sufficienza per contarli
quando le partita sarà terminata


La strategia di gioco deve prevedere anche una rigorosa gestione della cassa, che deve essere distaccata non emozionale. Troppo spesso contiamo i soldi durante una sessione di gioco e ci facciamo influenzare.

In vincita (eccitati) mettiamo magari un pezzo in più del dovuto, in perdita, quando i fondi scarseggiano (depressi) invece che giocare la puntata prevista, ci viene il braccino corto e la spalmiamo su più puntate “per resistere”, vanificando così la strategia.

I soldi si contano alla fine, perché se giochiamo seguendo le regole pre-determinate, concluso l’attacco o la partita, saranno esattamente quanti ne avevamo previsti.

 

Every gambler knows
That the secret to survivin'
Is knowin' what to throw away
And knowin' what to keep
Ogni giocatore d’azzardo sa
che il segreto per sopravvivere
è sapere cosa gettar via
e sapere cosa tenere


Questo consiglio è più inerente al poker dove si possono scartare le carte durante la partita.
Alla roulette però non dobbiamo giocare ad ogni lancio, anche se siamo seduti al tavolo. L’equivalente dello scartare una carta è attendere il lancio successivo senza puntare. Nessun casinò ci obbligherà mai a puntare.
Sapere quando puntare e sapere quando non puntare è fondamentale. La roulette è cinicamente ciclica ed è un errore insistere troppo sia in negativo che in positivo.

'Cause every hand's a winner
And every hand's a loser
And the best that you can hope for
is to die in your sleep
Perché ogni mano è vincente
e ogni mano è perdente
e il meglio che tu puoi sperare è
morire nel sonno


Ultimo e più prezioso consiglio.
Non esistono certezze nella roulette. Ogni puntata, ogni sistema, ogni progressione può essere vincente o perdente.
Chi crede di avere il sistema bancomat, quello che “fa fallire i casinò” quello che dà la “matematica certezza” è un illuso e farà una brutta fine.

Come dice The gambler l’unica certezza nella vita è la morte e l’unica speranza è andarsene senza soffrire.
Perciò giochiamo alla roulette per divertirci, non rischiamo soldi che non possiamo spendere, non cerchiamo di risolvere con l’azzardo i problemi finanziari. Dobbiamo vivere facendo sonni tranquilli, compreso l’ultimo.

Dello stesso autore

C'è un modo facile per uscire dal casinò con una piccola somma: andarci con una grande.

Jack Yelton