Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Raccolta articoli e pubblicazioni Le seghe mentali

Le seghe mentali

di Tony Di Grigio

Basta con la caccia ai complotti, si perde perchè il banco ha un vantaggio

Le seghe mentali

Io gioco alla roulette da più di trent'anni, da quando era riservata solo a quelli che avevano la possibilità, il tempo ed i soldi per andare a giocarla al casinò.
Ho visto succedersi sequenze di numeri ritenute improbabili, ho azzeccato delle vincite impossibili e mi sono bruciato nell'attesa della combinazione giusta. Ma non ho mai urlato al complotto, non ho mai insultato i croupier - beh lo ammetto qualche volta sì - ma soprattutto non ho mai dubitato che il gioco fosse regolare.

Oggi la roulette è stata svilita, resa nazional popolare e somministrata sotto varie forme al popolo del gratta e vinci nei bar, nelle sale slot o comodamente a casa nelle decine di siti più o meno autorizzati, e ci possono giocare tutti e sempre anche con pochi centesimi.

Il gioco non è però cambiato, le migliaia di roulette in giro per il mondo produrranno le loro serie, le loro alternanze, i loro scarti e le loro sequenze incredibili come hanno sempre fatto. Il banco avrà sempre il 2,7% per cento di vantaggio nei confronti dei giocatori, e metterà un limite massimo di puntata per impedire al giocatore con parecchio capitale di vincere con le progressioni.

Quello che è cambiato sono i giocatori ed il modo di giocare. Al casinò ancora oggi non si vedrà mai nessuno incazzarsi ed accusare lo chef o gli ispettori di avere una roulette truccata, ma basta mettere una telecamera sullo stesso tavolo e da quelli che giocano live a distanza e partono gli insulti e le insinuazioni sulla regolarità del gioco. Si scatena la teoria del complotto: sono tutte truccate, c'è un grande disegno per far perdere tutti; e così la presunta regolarità della roulette viene dibattuta in rete con la stessa foga riservata alle scie chimiche.

Pur avendo la fortuna di avere i casinò vicino a casa, non disdegno le giocate sulle roulette live, mi permettono di risparmiare tempo e soldi di viaggio, di sperimentare nuovi sistemi e progressioni avendo minimi di puntate più basse, e di provare la goduria di vincere un pieno senza dovermi sentire in colpa per non lasciare la mancia. Personalmente nelle sequenze di numeri uscite non ho notato nessuna anomalia con quello visto in anni di roulette nei casinò. Ho visto uscire quattordici Neri Manque di fila prima di vedere un Rosso Passe al casinò, cosa che non mi è ancora successa on-line.
Io quella combinazione quel giorno l'ho notata perchè ovviamente stavo giocando Rosso Passe ed alla sesta assenza il mio sistema era saltato (dopo trenta sere che vincevo). C'era un mio amico con me che mi ha suggerito "batti il ferro finché è caldo", io ero troppo incazzato per giocare ancora a quel tavolo così ha giocato lui e ha messo un pezzo sul Nero ed uno sul Manque, io pensando alla mia sfiga gli ho detto "Vedrai che uscirà Rosso Passe adesso che ho smesso di giocarlo" ed invece non è uscito e lui ha vinto. Ha fatto subito un paroli ed ha vinto ancora. A quel punto il Nero Manque era arrivato ad una ripetizione di otto volte di fila (mai visto), il mio amico ha messo in tasca i due pezzi iniziali e mi ha detto "vediamo se arriva fino a dieci" così ha giocato solo i pezzi vinti, tre sul nero e tre sul manque, ha vinto, altro paroli ed ha vinto ancora. Totale 24 pezzi di vincita. E sarebbero stati di più se fosse andato avanti ancora.

Ho raccontato questo aneddoto per illustrare ai complottisti che non c'è un grande disegno, è tutto nella testa, nella fortuna e nella durata del gioco. Se io avessi continuato avrei preso una scoppola indimenticabile, se il mio amico avesse continuato a lungo alla fine avrebbbe perso, se avesse cominciato a puntare prima su Nero Manque con dieci volte di fila avrebbe vinto centinaia di pezzi, ma soprattutto sono usciti quattordici Neri Manque di fila e non abbiamo minimamente pensato che la roulette fosse truccata o che il casinò aveva deciso di fotterci i soldi.

A chi scrive commenti o lamentele affermando la propria certezza che è tutto truccato vorrei dire: andate a giocare al casinò vero! Stare da soli davanti al computer vi isola dalla realtà.
Andate al casinò vero e guardate quello che succede. Se vi capita di perdere tutti i vostri soldi andate dal giocatore vincente che ha davanti a se un grattacielo di fiche e ditegli che la roulette è truccata. Anzi andate da tutti quelli che stanno vincendo e ditegli quello che pensate, che sono tutti raccomandati che vincono perché hanno le conoscenze, mentre voi siete stati ingiustamente puniti.

Ascoltate uno che per trent'anni è sopravvissuto alle battaglie con la roulette senza rovinarsi. Non è la roulette truccata il nemico, ma è il vostro cervello. La roulette è un gioco di testa e di fortuna, si può giocare con o senza fortuna, ma non bisgona mai perdere la testa.

Buon divertimento a tutti perchè la roulette, anche live, è e rimarrà sempre un divertimento, checchè ne dicano i troll dell'ultima ora.

giovanni :
03/01/2016 19:09

Penso proprio che tu abbia perfettamente ragione!

roberto :
10/01/2016 00:16

Io ho una roulette a casa e vi posso assicurare che escono scarti tanto quanto quelle online! A proposito a San Vincent una ventina di anni fa ho visto con i miei occhi 23 rossi, anzi tutti vi giocavano contro ed io a favore, meno male che era truccata ahh!!

roberto :
10/01/2016 00:37

E poi aggiungo che più che lo zero quello che fa perdere è proprio lo scarto e vi faccio un esempio giocando 111 boule dovrebbero uscire 3 zeri 54 rossi e 54 neri, se fosse sempre così basterebbe una D'Alambert per vincere facile anche contro il vantaggio del banco, il problema è che a volte lo zero non esce neppure, ma magari escono 79 rossi e 32 neri, che va bene se giochi rosso....ma se giocavi nero....ahiiiiaa!!

MASSIMO AURELIO :
16/01/2016 19:24

CIAO TONY
QUOTO AL 100% TUTTO CIò CHE HAI SCRITTO.
potrei aggiungere di avere personalmente visto al Casinò di Campione, tavolo 2 Francese, l'uscita di quattro volte il 35, cambio croupier e ANCORA UN 35 ! poi un altra sera 18 volte la 3°à dozzina ecc....
Il problema è che questi ultimi arrivati ai casinò online credono che vincere sia facile, ma se sono tanto bravi e se credono alle roulette truccate che vadano nei "casinò terrestri" che li vinceranno alla grande...

Commenting has been disabled.
Dello stesso autore
  • Togliere il pezzo sopra Togliere il pezzo sopra

    Lasciare su il pezzo sopra può sembrare una scelta sensata, ma non è certamente la migliore

  • L'unica tattica è il catenaccio L'unica tattica è il catenaccio

    Giocare alla roulette è come fare una partita a calcio, fuori casa, in dieci, senza avere la possibilità di effettuare un cambio, contro una squadra in undici che può fare quanti cambi vuole

la roulette al cinema
Michael Shane: private detective (1940)
Michael Shane: private detective (1940)

O troviamo la via o ne creiamo una.

Annibale