Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Raccolta articoli e pubblicazioni La psicanalisi della roulette

La psicanalisi della roulette

di ES 71

Se un croupier decidesse volontariamente di mandare la pallina nella metà opposta alla zero ....credo che durante la serata vedremmo pochi zero

La psicanalisi della roulette

Scrivo perchè oltre ad essere uno studioso della roulette mi interesso anche un pochino di psicologia e psicanalisi. Che centra , direte voi? Beh, vi siete mai chiesti perchè i croupier girano tra i tavoli ??
Ma iniziamo da un postulato che chiamamiamo " A ": I croupier volendo, "razionalmente", sanno indirizzare la pallina.

Mi spiego meglio: se un croupier decidesse volontariamente di mandare la pallina nella metà opposta alla zero ....credo che durante la serata vedremmo pochi zero.
Cio' è stato dimostrato anche a una nota trasmissione televisiva "scommetiamo che" ..la scommessa era , se non ricordo male, che il lanciatore di pallina su dieci boule dichiarasse il numero pieno e che almeno sette volte la pallina cadesse o nel numero stesso o in quello accanto a destra e a sinistra .
Il croupier vinse la scommessa , centrando 8 colpi e gli altri due lascio alla vostra immaginazione quanto siano andati distanti dal centrare l'obiettivo !

Ma voglio essere piu' cinico: lo zero è verde ed è un riferimento ben visibile al coupier ...perchè non farlo rosso o nero ...mantendo sempre la regola che qualora uscisse la puntata è persa ??
Lo zero ha un colore verde per l'estetica del cilindro ? forse , ma cio' non toglie chè è un riferimento e di notevole spessore!

Inoltre aggiungo che tutti i croupier sanno a memoria e coscientemente la disposizione esatta dei numeri nel cilindro .
Bene, fatte queste premesse vengo alla mia tesi, forse discutibile, ma alquanto provocatoria !
Un cropier inconsciamente non indirizza o indirizza la pallina in un ben determinato settore del cilindro .
E se sta' lavorando il giorno 3 e per qualche motivo in quel giorno ha avuto una litigata con la moglie ? ( naturalmente è solo un esempio ). Magari e sempre inconsciamnete odia il 3 che difficilmente uscirà quella sera stessa per mano sua !
Cioè voglio dire che il croupier "puo" inconsciamnte influenzare il gioco, positivamente o negativamente !
I casino' , che non sono delle aziende di beneficienza sanno che cio' potrebbe accadere, ma quello che li spaventa è non tanto il fatto che il 3 non esca per tutta la sera il che porterebbe delle somme ingenti alla "loro" cassa grazie ai numerosi statistici sul ritardo, bensì che il 3 esca ripetutamente e piu' volte perchè magari il 3 in quella serata il croupier lo concepisce come una cosa positiva (ha comprato l'auto nuova) !

Và be mi sono anche dilungato troppo , ma mi piacerrebbe una smentita del tutto ...provocatoriamente parlando !
A fronte di quanto sopra scritto potete intuire perchè i croupier girano tra i tavoli e perchè si pensa (ma è vero) che alcuni croupier hanno un "loro" legge del terzo. Infatti , alla roulette francese solitamente i colpi sono alternati tra due croupier il che mischia le acque per benino !
Concludo che con quanto sopra esposto non è mia intenzione dire che i croupier sono in mala fede, anzi tutt'altro e, inoltre , per un giocatore occasionale il tutto è letteralmente indifferente !
Diffidate quindi da tutte le elaborazioni randomiche generate da una macchina ...bensi', se la cosa vi incuriosisce , andate in un casino' come Saint-Vincent e seguite per una serata 3 croupier a vari tavoli della roulette americana dove vi è un solo croupier e vi accorgerete che alcuni numeri ( n.b.per quella serata ) usciranno piu' sovente di altri indipendentemente dal tavolo ...strano ? Be provate e poi al massimo ne discutiamo ....

Roger :
01/03/2012 19:52
- Su Scommettiamo che è andata all'esatto opposto di quello che dici.. Il prof.Pazzaglia noto sistemista aveva scommesso su pieno e vicini e vinse 7 volte su 10 contro il croupier. C'è anche un'esperto di giochi della tv inglese,che entrato in un casinò sloveno ha chiusa in busta il pieno che sarebbe uscito.
J. :
17/03/2012 04:27
mah... a me quello che c'è scritto in questo articolo non piace proprio. anche ammesso che un croupier riesca a centrare più o meno un settore della roulette (che già di suo è un casino) è assolutamente impossibile che la casualità non influisca mai sul suo lancio facendolo scontrare con una losanga o facendo fare alla pallina un rimbalzo imprevedibile. non sta in piedi amico mio, mi spiace ma la tua non è una bufala, è proprio una mozzarella burrata Pettinicchio! inoltre ero curioso di vedere questa storia allucinante di scommettiamo che e quindi mi sono documentato... non ho trovato nessun filmato o file che riconducesse a questo famigerato esperimento, o meglio, non c'è molto sul web ma da quelle frammentarie informazioni che ho trovato mi è parso di capire che non è proprio così come l'hai spiegato tu in questo articolo. da quello che ho capito c'era un croupier neutrale e un uomo, solamente guardando la pallina girare, era in grado di piazzare una puntata sul numero e vicini con un certo margine di sicurezza. è un pochino diverso...
J. :
17/03/2012 04:30
oddio non avevo visto bene la fine dell'articolo! dovremmo andare a Saint Vincent per vedere che in una sera alcuni numeri escono più di altri??? Penso proprio che tu su questo sito abbia scritto più pagine di quante ne abbia lette.
maxtor :
04/08/2012 20:35
Di metodi matematici ne ho provati diversi e funzionano. Il problema che non funzionano sempre. Magari vinci il 60% dei colpi ma il restante 40% ti azzera la vincita ed il resto. Oppure un giorno vinci sempre, o la maggior parte delle volte ma il giorno successivo puoi anche riperdere tutto in pochi colpi. Secondo mè la frase di Heinstein descive il problema alla perfezione.
Federica :
01/10/2013 10:58
Buongiorno a tutti! Io faccio la croupier a tempo pieno in un casino' da 13 anni e vorrei sottolineare alcuni punti: 1) i croupiers lasciano i tavoli perché vanno in pausa e vengono assegnati ad altri tavoli per evitare il logorio emotivo che inevitabilmente si crea a contatto con gli stessi giocatori nell'arco della serata/nottata. 2)Il colore verde dello zero non è mai, e ripeto, MAAI stato "un punto di riferimento di notevole spessore" per un mio qualsiasi pensiero od una mia qualsiasi azione inconscia; e qui, mi chiedo, dove sta tutta questa psicologia e psicoanalisi di introduzione all'articolo di cui sopra... 3)I croupiers della roulette americana e di quella inglese NON sanno a memoria la disposizione di tutti i numeri della ruota perché non sono obbligati a saperla. 4)...come citato sopra: "postulato A: i croupiers volendo, razionalmente, sanno indirizzare la pallina". Significato di POSTULATO= (dal vocabolario) Proposizione non dimostrata ma ammessa come vera in quanto NECESSARIA per fondare un procedimento o una dimostrazione. 5)Ed infine, secondo voi, un croupier che sapesse veramente dove indirizzare la pallina, continuerebbe a lavorare incessantemente di notte in ambienti malsani anziché andarsene a fare la vita da nababbo? Ma daiiiii, tutte cavolate!! Ha ragione A. Einstein: "se i fatti e la teoria non concordano, cambia i fatti". Ciao a tutti Federica
Marco :
18/04/2014 18:08

Voi sapete tirare benissimo la pallina sul settore è il vostro mestiere e il vostro vantaggio per i polli che puntano prima che lanciate lo spin, poi c'e da dire che non sempre tirate a "fregare qualcuno" ma molti tiri li indirizzate sui settori vuoti per far fare cassa alla sala da gioco , vi hanno anche insegnato a vedere se c'e qualcuno che fà questo gioco e quindi in quel caso se ve ne accorgete fate vincere chi ha puntato prima ...siete furbi e psicologici ma non abbastanza per me dove ogni mese è un piacere portare via da Venezia e San remo dai 15000 ai 20000 mila al mese. Sveglia gente !!CARPE DIEM !! non sono li per lanciare una pallina a caso ma per prendere i votri soldi.

Luca :
18/04/2014 18:11

Lo sai che al torneo di roulette che si tiene presso Venezia a varie tappe si giocano pieni da 1000 e si può scommettere solo prima che il croupier abbia cominciato il lancio? cassa per il casinò!!!!!!! fatevi due domande

davide :
28/12/2014 21:37

sono perfettamente d accordo con marco ,sono un appassionato di roulette da diverso tempo frequento san remo e montecarlo ed ho assistito personalmente una sera ad un tavolo a monaco un malcapitato pollo che si e fatto spolverare 300 mila eur in 1 ora di gioco. non ci crederete chi tirava la pallina ha indicato al suo collega difronte il settore orfanelli e il numero 20 casualmente senza puntata , quando ha alzato gli occhi e rimasto di stucco si e accorto che io lo stavo osservando,ho masso 100 eur sul 20 indovinate cosa e uscito =)ho fatto un sorriso per ringraziare e uno sguardo sul malcapitato pollo .....sveglia ragazzi sono professionisti

Commenting has been disabled.
Sullo stesso argomento
Un esempio da seguire Un esempio da seguire

Siete disposti ad andare al casinò a registrare 500 boules al giorno per due mesi ?

Il metodo Parkston Il metodo Parkston

Pubblicato nella prima metà del secolo scorso a Londra sull' Evening Standard

Se i fatti e la teoria non concordano, cambia i fatti Se i fatti e la teoria non concordano, cambia i fatti

Questa frase di Albert Einstein sembra proprio ritagliata su misura per i giocatori della roulette che applicano i sistemi.

Osservare la ruota

Assicurarsi un vantaggio riducendo il numero di variabili

Il gioco orbitale Il gioco orbitale

Seguire con gli occhi il percorso della ruota e della pallina

la roulette al cinema
Cleopatra Jones and the casino of gold (1975)
Cleopatra Jones and the casino of gold (1975)

Il più grande vantaggio nel giocare d'azzardo sta nel non giocare affatto.

G. Cardano