Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Raccolta articoli e pubblicazioni Togliere il pezzo sopra

Togliere il pezzo sopra

di Tony Di Grigio

Lasciare su il pezzo sopra può sembrare una scelta sensata, ma non è certamente la migliore

Togliere il pezzo sopra

Per evitare possibili equivoci e strane interpretazioni qui si parla di fiches, beh, non che questa definizione sia immune da focosi pensieri alternativi. Allora chiariamo che si parla di gettoni, pezzi, fiches e cioè le puntate che si mettono sopra il tavolo della roulette.
Dopo questa doccia fredda, se volete continuare a leggere, cercherò di spiegarvi perché secondo me non ha molto senso lasciare il pezzo vincente sul tappeto.

Quando si vince su combinazioni che non sono le chance semplici o le dozzine il croupier spinge i gettoni vinti in direzione del giocatore. Il pezzo puntato rimane al suo posto senza ed il giocatore non lo può ritirare finché il croupier non ha terminato il pagamento.

A quel punto il giocatore ha la possibilità di ritirare la propria puntata e disporne come meglio crede. Ma quanti veramente lo fanno? Pochissimi lo fanno, e quasi tutti quelli che ritirano le puntate hanno il proprio pezzo su una sestina o una terzina, difficilmente si ritira un cavallo e quasi mai un pieno a meno che non siate in pochi giocatori al tavolo ed il vostro pezzo è uno dei pochi sul tappeto.
Perché ? i motivi sono principalmente quattro: ignoranza, timidezza, debolezza e scaramanzia.

  • Ignoranza

Sembrerà strano ma molti giocatori non sanno che il pezzo sul tappeto è sempre a propria disposizione tranne nel lasso di tempo che passa tra il rien va plus e l’annuncio del numero vincente.
Certo ogni manovra fatta sul tappeto non viene vista di buon occhio soprattutto se non si utilizzano i gettoni colorati, perché potrebbero volontariamente o involontariamente venir spostate anche le fiches di altri giocatori.
comunque sia è un vostro diritto ritirare la puntata e rimettervi il pezzo in tasca senza alcun obbligo di giocarla su qualche altra combinazione.

  • Timidezza

Spesso la vostra fiche non è facilmente accessibile, sia come posizione sul tavolo rispetto a voi, sia perché si trova sommersa da fiches di altri giocatori. A quel punto un intervento di persona sul tavolo potrebbe essere complicato e portare ad esiti nefasti. La soluzione è chiedere la fiche al croupier e non tutti sono così disinvolti nel farlo; soprattutto se il croupier è uno di quelli che quando distribuivano la simpatia lui ha pensato bene di non presentarsi.
Facile se si vince con il pieno, la sua fame di mancia lo porta a fare qualsiasi cosa per avere il vostro pezzo e non si ferma davanti ad un mucchio di fiches incasinate. Basterà dirgli che la puntata è per gli impiegati e lui organizzerà la raccolta. Come dice un mio amico, se proprio vuole la mancia almeno che faccia il lavoro di prendersela.
La stessa operazione può essere chiesta per qualsiasi pezzo sia presente sul tavolo, il croupier così come è incaricato a metterli per voi è anche incaricato a toglierli per voi, è un vostro diritto, non siate timidi, il tavolo è una giungla è un pezzo lasciato è un probabile pezzo in più per il casinò.

  • Debolezza

E qui si entra nel mondo dell’autolesionismo devastante. Nella vita di ogni giocatore è capitato di vedere continuare ad uscire la combinazione dopo aver tolto il pezzo. La legge di Murphy vale anche per la roulette e quel ricordo tornerà in maniera ricorrente nei vostri pensieri, fino a diventare un’ossessione se si tratta di un pieno uscito tre o più volte di fila.
Questo pensiero si presenta come su un enorme display davanti al cervello ogni qual volta ci si viene a ritrovare nella medesima condizione. Lascio o non lascio? E se poi esce ancora ? qui si contrano le due filosofie “quando il gioco si fa duro i duri entrano in gioco” sarebbe quella corretta. Bisogna avere la forza di fare sempre quello che è giusto pensare positivo e non farsi influenzare dall’ipotesi negativa.
l’altra filosofia è la versione del mio amico che cita “quando il gioco si fa duro, i duri lo prendono nel cu..” e per quanto una possa fingersi indifferente (in effetti non si tratta di una sconfitta) anche il duro è consapevole di aver fatto una cazzata.
Lasciare la puntata è un piccolo pegno da pagare per garantirsi la propria tranquillità psicologica.

E’ utile anche considerare che si tende a ricordare la volta che si sarebbe vinto e si tende a dimenticare tutte le altre in cui si sarebbe perso, che alla fine sono sempre molte di più.

  • Scaramanzia

Beh qui non c’è nulla da dire, si entra nei riti personali ed in quei campi in cui non esistono certezze ma solo forti opinioni, fedi e convinzioni.

 

Abbiamo visto le principali ragioni per cui si lascia il pezzo sopra, e adesso vi spiego perché è meglio toglierlo.
Per fare questo esercizio ci serviamo del calcolatore di probabilità presente sul sito e vediamo come cambia la percentuale a favore del giocatore


Cambiando combinazioneLasciando la puntata
Combinazione Probabilità 1 colpo su Probabilità 1 colpo su
Chance semplici 48,7% 2,1 23,7 % 4,2
Dozzine, colonne o serie 32,4% 3,1 10,5% 9,5
Sestine 16,2 %
6,2 2,6 % 38
Carrè 10,8 % 9,3 1,2 % 85,6
Terzine 8,1 % 12,3 0,66 %
152,1
Cavalli 5,4 % 18,5 0,29% 342,2
Numeri pieni 2,7 % 37 0,07% 1369
Vicini 45,9 % 2,2 21,1 % 4,7
Orfanelli 24,3 % 4,1 5,9 % 16,9
Nassa 21,6 % 4,6 4,7 % 21,4

 

I commenti sono superflui, basta leggere l'ultima colonna per capire quali sono le speranza del giocatore che la ripetizione della combinazione si verifichi.

Prediamo ad esempio il numero pieno, dove praticamente nessuno ritira la propria puntata. Guardiamolo dalla prospettiva del casinò che avrà matematicamente dalla sua non 36 possbilità di vincere e 1 di perdere ma 1368 contro una. Capite ora perchè "consigliano" di lasciare lì la puntata.

Se proprio volete gettare via quel pezzo e non mettervelo in tasca, tanto vale fare lo stesso tipo di giocata ma su un'altra combinazione, chiedete al croupier di spostarvi il pezzo così non sfiderete oltremisura la dea bendata.

Alla roulette non è come in spiaggia dove in certi casi il pezzo sopra è meglio che rimanga lì al suo posto, è sempre meglio toglierlo, con la matematica non si scherza.
Se invece non potete farne a meno, allora vi consiglio di avere la costanza di segnarvi sempre il risultato, sarà la colonna del saldo negativo a farvi cambiare idea...

Related content
Legge di Murphy

Le probabilità che qualcosa accada sono inversamente proporzionali alla sua desiderabilità

Dello stesso autore
  • Le seghe mentali Le seghe mentali

    Basta con la caccia ai complotti, si perde perchè il banco ha un vantaggio

  • L'unica tattica è il catenaccio L'unica tattica è il catenaccio

    Giocare alla roulette è come fare una partita a calcio, fuori casa, in dieci, senza avere la possibilità di effettuare un cambio, contro una squadra in undici che può fare quanti cambi vuole

Sullo stesso argomento
Le tabelle di Sextius

Fatevi prima una buona preparazione Fatevi prima una buona preparazione

I saggi consigli del commendator Delaiti ai giocatori iniziati e inizianti

Consigli al giocatore Consigli al giocatore

Se li seguirete, magari non vi faranno diventare milionari, ma potrete per lo meno cercare di restare assieme ai vostri soldi abbastanza a lungo da portare a casa qualche pezzo

Massimizzare la singola puntata

Pochi colpi ma buoni

la roulette al cinema
Black spurs (1965)
Black spurs (1965)

Giocare d'azzardo è il modo per ottenere nulla da qualcosa.

Wilson Mizner