Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Raccolta articoli e pubblicazioni Fatevi prima una buona preparazione

Fatevi prima una buona preparazione

di Carlo Delaiti

I saggi consigli del commendator Delaiti ai giocatori iniziati e inizianti

Fatevi prima una buona preparazione

Se un sistema ha una certa base di serietà, anche se non è sicuramente vincente, non è perdente, perchè un sistema deve essere solo un mezzo per attaccare il banco con "punte" più o meno pungenti al momento giusto. Certi sistemi, invece, sono sicuramente perdenti specie le martingale: 1/2/4/8 ecc e 1/3/7/15 ecc..., perché si può vincere per un certo periodo… poi i salti fanno perdere tutte le vincite acquisite, più l'importo della tassa dello zero,in base a tutto il capitale, posato nell'insieme sul tappeto.

Mi fa molto piacere che dei giovani si dedicano a questo bellissimo ed interessante gioco, non per formare dei disperati giocatori, ma soprattutto, per avviarli allo studio ludologico roulettistico, perché oltre venire a conoscenza delle leggi della probabilità, necessarie anche nella vita quotidiana, questo studio e le sperimentazioni fatte a casa propria, tengono occupati, divertendo nello stesso tempo.

Ho conosciuto giocatori incalliti del gioco d'azzardo alla roulette, che, fortunatamente si sono riveduti e per continuare la loro passione si sono dedicati allo studio.
Dopo una vera ed adeguata preparazione sono tornati al tavolo da gioco, come cercassero una vendetta. Non erano più dei giocatori ma veri sistemisti, cioè speculatori del gioco.
Raccontano ora, che è maggiore soddisfazione vincere pochi pezzi calcolati, piuttosto che forti vincite nell'azzardo, quanto queste vincite, in definitiva, diventano perdite.
Ecco perché non mi stancherò mai di raccomandare agli inizianti di non aver fretta di affrontare il tappeto verde.
Per una buona preparazione non significa aver letto un libro, oppure aver comprato un sistema. Significa leggere buona parte di ciò che manoscritti vostri predecessori, da oltre un secolo ad oggi.
Ingenue telefonate che generalmente riceviamo dei nostri giovani interlocutori:

  • Alcuni chiedono se un tale sistema è sicuramente vincente.
  • Altri riferiscono della validità di un certo sistema, perché sono riusciti a vincere.
  • Altre ancora, con lo stesso sistema dicono che hanno perso.
  • Ed infine esiste il categorico che dice ho provato sistema di questo mese con una cinquantina di colpi ma non va.

A questo punto devo ancora ripetermi: i sistemi possono essere tutti vincenti tutti perdenti, perché devono essere usati come mezzo per il verso giusto. Anche un gatto o un cane molto buoni se accarezzati contropelo diventano cattivi.

Non si può giudicare un sistema, si ha dato perdita oppure vincita, in una piccola seduta. Per stabilire una condotta di gioco non è necessario fare 50-100.000 colpi di sperimentazione. Possono essere sufficiente anche solo qualche migliaio di colpi, per conoscere più o meno, le massime esposizioni  degli scarti negativi o le massime acquisizione degli scarti positivi.

Tratto dalla rubrica di posta del commendoator Delaiti sul "il sistemista" del Marzo 1987

Sullo stesso argomento
Togliere il pezzo sopra Togliere il pezzo sopra

Lasciare su il pezzo sopra può sembrare una scelta sensata, ma non è certamente la migliore

Consigli al giocatore Consigli al giocatore

Se li seguirete, magari non vi faranno diventare milionari, ma potrete per lo meno cercare di restare assieme ai vostri soldi abbastanza a lungo da portare a casa qualche pezzo

Il pàssol Il pàssol

In realtà si scrive puzzle ma un po' di pronuncia corretta non guasta mai

Come perdere alla roulette Come perdere alla roulette

La sconfitta alla roulette non è legata ad un solo episodio ma è frutto di una serie di eventi collaterali che spesso vengono trascurati dal giocatore

la roulette al cinema
Smart money (1931)
Smart money (1931)

Nel gioco d'azzardo molti devono perdere affichè pochi possano vincere.

George Bernard Shaw