Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Raccolta articoli e pubblicazioni Il confronto tra gioco e giocatore

Il confronto tra gioco e giocatore

di BJ

Un'analisi della relazione che si instaura tra il giocatore e il gioco, e con essa le svariate situazioni che si producono al tavolo o nelle vicinanze.

Il confronto tra gioco e giocatore

Meritevole di analisi è sicuramente la relazione che si instaura tra il giocatore e il gioco, e con essa le svariate situazioni che si producono al tavolo o nelle vicinanze.

Occorre innanzitutto distinguere tra il giocatore neofita e quello già esperto; e giova considerare anche di quale tipo di esperienza si tratta. Ben diversa è la situazione vissuta al tavolo da un vecchio giocatore di Roulette, rispetto a quella di un sia pur incallito giocatore d'azzardo che però abbia praticato giochi di altro genere.

Cominciamo dal neofita

Quante volte ci siamo scoperti ad osservare al tavolo la giovane coppia di sposini in luna di miele che, alla ricerca di emozioni forti e di qualcosa da ricordare, entrano al Casinò e, completamente ignari dei rischi che corrono, si avvicinano ardenti d'entusiasmo alla magica ruota. E chi non ha mai osservato la compagna del grande giocatore di Chemin che, stanca di assistere alle sofferenze del marito, prende alcuni gettoni dalla sua tasca, si reca al tavolo e, col candore tipico di chi non conosce nemmeno le regole base, stupisce tutti i presenti con varie vincite consecutive, regolarmente accompagnate da vagiti di gioia infantile. Interessante è il giovanissimo diciottenne, probabilmente il miglior giocatore del suo bar di periferia, spesso studente valido (ma non "secchione"): Egli entra con l'animo carico di speranze e un coraggio pari soltanto alla sua incoscienza, e combatte una battaglia provata sul tavolo di casa chissà quante volte con la pervicace convinzione che i propri calcoli teorici debbano senza fallo verificarsi. Il suo stupore è grande nel momento, inevitabile, in cui subisce la caduta del suo schema e una perdita pecuniaria che il puù delle volte non può sopportare senza danni. 

Se la tempra di un giocatore esperto si giudica da come sopporta le perdite, il carattere di un neofita si giudica sicuramente da come regge il peso delle proprie puntate, prima del loro esito: infatti, una volta emesso il verdetto, il giocatore si tranquillizza, mentre nel momento in cui appoggia la puntata sul tavolo e nei momenti successivi, in cui tutti gli altri giocatori muovono all'impazzata mani e gettoni intorno alla puntata stessa, il suo volto manifesta il travaglio che egli sta vivendo.

Qualcuno ha paragonato il gioco d'azzardo a una droga: Se è lecito il paragone, allora si potrà di sicuro dire che il gioco è un tipo di droga che dà assuefazione: infatti l'effetto di una piccola dose (una puntata leggera) è dirompente nel giocatore neofita, ma tende a diminuire man mano che la dose viene assunta, sino a diventare insignificante: a quel punto la dose deve necessariamente essere aumentata se si vuole mantenere lo stesso effetto, e il giocatore si trova trascinato a effettuare puntate molto più alte di quanto desiderava all'inizio, senza poter più tornare indietro, se non facendo uso di terapie d'urto 

Il gioco, analogamente alla droga, produce anche dipendenza psicologica: se una persona gioca da molto tempo non crede di poterne fare a meno, se non a prezzo di grandi sacrifici. Questa convinzione è così radicata da indurre molti giocatori a non tentare neppure di smettere, o di regolamentare il proprio gioco, in quanto non lo ritengono possibile.

L'esperto

Esiste poi l'esperto giocatore d'azzardo che, dopo una vita passata nei bar di provincia e mille battaglie nelle quali si è forgiato il carattere e il coraggio che lo hanno reso famoso, un giorno decide di allargare i suoi orizzonti e si avvicina al grande giro dei Casinò e alla Fortezza. Il suo primo impatto con il grande mondo, per tanto tempo immaginato e sognato, è sicuramente una cosa che non dimenticherà mai, con tutti quei soldi che in modo così rapido cambiano proprietario, e con la disinvoltura disarmante dei croupiers nel momento in cui pagano o rastrellano somme astronomiche giocate in pochi secondi, somme che nel suo bar non vengono movimentate nemmeno in un anno. Una cosa che colpisce questo tipo di giocatore è l'inconsistenza, a livello psicologico, del gettone rispetto al valore che esso rappresenta: di fatto, se occorresse depositare sul tavolo le banconote anzichè questi anonimi pezzi di plastica decorata, gli importi delle giocate sarebbero di gran lunga inFeriori, poichè il giocatore, al momento di separarsi dalle banconote, sarebbe istintivamente trattenuto, cosa che non accade per il gettone. Il nostro amico guarda con stupore i giocatori più esperti annunciare con parole misteriose combinazioni complicate e, al suo scarso vedere, ingiustificate, finalmente prende coraggio e, con fare incerto, gioca i primi gettoni: la sua grande avventura è cominciata.

Ben diverso è l'atteggiamento del giocatore esperto del gioco della Roulette, ma non per questo meno suggestivo. Costui è un profondo conoscitore delle regole e delle combinazioni possibili al tavolo, e quasi sempre ha una profonda venerazione per alcune di esse, attribuendo loro particolari poteri che le rendono superiori a tutte le altre. Si tratta in effetti di una vera e propria fede. Il giocatore crede nel tal numero, nella serie, o magari nelle figure che via via si producono, e vi insiste senza poter concepire alcuna contraddizione. Alcuni credono che sia opportuno giocare solo quando la pallina è già in movimento, e si affannano producendo scompiglio nelle puntate, e un gran lavoro per i croupiers. Altri giocano contemporaneamente su due tavoli e spesso vengono richiamati dai croupiers per ritirare le vincite, sempre se qualche disonesto molto svelto di riflessi non le ha nel frattempo rubate.

Il rapporto

Esiste comunque un vero rapporto tra il giocatore e la Roulette, un vero e proprio feeling, a volte positivo e a volte negativo. L'esperto considera la Roulette come un avversario vivente, con emozioni analoghe alle proprie, con la capacità di percepire gli sbalzi emotivi e umorali, e i momenti di fortuna o di disgrazia; le migliaia di ore passate al tavolo impediscono al cervello del nostro amico un'analisi obiettiva e disincantata, e il suo pensiero indulge all'imponderabile e al soprannaturale. Eccezionale è poi la carica di superstizioni e di scaramanzie a cui questo giocatore è continuamente sottoposto: non gli rivolgete mai la parola mentre sta perdendo se non volete sentirvi attribuire la colpa delle sue sfortune, e non scambiate mai i vostri gettoni con i suoi, poichè questo innocuo gesto lo terrorizzerebbe oltre misura.
Nei peggiori momenti l'esperto odia a morte la Roulette, che si ostina a negargli le combinazioni volute, e manifesta questo sentimento con parole, gesti, a volte urla, che non si spiegano in nessun modo se non con il fatto che il giocatore è convinto che la Roulette possa percepirli e subirne l'influsso, o esserne turbata.

Ma è veramente indominabile il gioco, o tutto questo deriva dalle nostre debolezze di uomini?
Molte persone ritengono, secondo me a torto, che il dominio del gioco sull'uomo o dell'uomo sul gioco dipenda unicamente dalle possibilità finanziarie del giocatore: se cioè il giocatore è abbastanza ricco da sopportare la perdita avrà il dominio sul proprio gioco, se al contrario la perdita sarà tale da danneggiare il tenore di vita del giocatore, allora questi sarà dominato dal gioco.

Ritengo profondamente impropria e incompleta questa analisi: non si vuole qui negare l'importanza di "quanto uno possa perdere", ma la conoscenza dei giocatori mi ha portato a concludere che veramente pochi sono coloro che mantengono freddezza, responsabilità e consapevolezza di sé e delle proprie possibilità nei momenti difficili; in tali momenti il giocatore tende a essere trascinato nel gioco con la speranza di rifarsi, e si dimentica completamente del proprio status economico. I freni che trattengono il giocatore dal baratro sono di indole caratteriale e culturale, e non basati sulla quantità di ricchezza che egli possiede.

La lotta per il dominio viene quindi decisa dalle caratteristiche del giocatore, mentre la macchina è sempre uguale a sé stessa. Se il giocatore assomma in sé tutte le doti caratteriali necessarie per conservare, sempre e comunque, il controllo delle proprie azioni e del proprio cervello, allora dominerà il proprio gioco; se al contrario queste doti gli difettano, allora ne sarà dominato. Al lettore non sfugga l'analogia evidente di questa situazione con quelle quotidiane nelle quali tutti noi viviamo: lo stesso divenire della vita è tale per cui o lo domini o ne sei dominato.

Sullo stesso argomento
Alla carica ! ... anzi no ! Alla carica ! ... anzi no !

aspettare il momento giusto per attaccare è la cosa più difficile in assoluto, perché spesso non si ha la possibilità o la voglia di attendere le condizioni più opportune per piazzare la fiche

La posizione di gioco La posizione di gioco

Quando gli ispettori correvano da Francois Blanc per allertarlo sulle grosse vincite di un giocatore alla roulette, la prima cosa che chiedeva era : "E' seduto o in piedi?"

La scelta del tavolo La scelta del tavolo

Avere la possibilità di scegliere il tavolo è un vantaggio per il giocatore, aspetto ancora più importante per chi è abituato a giocare solo on-line e rischia di rimanere sopreso dagli eventi

Il vecchio e il mare Il vecchio e il mare

Le parole e l'sperienza di un giocatore professionista rivolte a tutti coloro che giocano e soprattutto a quelli che hanno la speranza di giocare per professione

la roulette al cinema
A night in casablanca (1946)
A night in casablanca (1946)

Il successo è l'abilità di passare da un fallimento all'altro senza perdere l'entusiasmo.

Winston Churchill