Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Giocare Giocare alla roulette I giocatori Il pipistrello

Il pipistrello

A caccia di fiches vola da un tavolo all'altro seminando il panico

Tutti quelli che si sono avvicinati ad un tavolo della roulette hanno prima o poi incontrato, o meglio, scontrato un giocatore pipistrello.

Lo si vede arrivare al tavolo affannato a farsi largo per allungare la sua fiche, lo si sente urlare gli annunci da un capo all'altro della sala, croupier e giocatori lo cercano con gli occhi per segnalargli che il suo colpo è vincente.

Il pipistrello viene tollerato, soprattutto se punta pesante, ma viene redarguito se con il suo incedere travolge altri giocatori o sferra inavvertitamente gomitate e cazzotti sul cranio dei malcapitati giocatori seduti.

Indipendentemente dallo schema di gioco trova la sua gratificazione mettendo più fiche contemporaneamente su più tavoli. Se dovesse giocare da seduto si annoierebbe a morte, anzi potrebbe essere la punizione ideale, perché per lui il succo del divertimento è proprio quello di riuscire a puntare su più tavoli.

Così facendo si espone alle malefatte dei furbacchioni in agguato che puntano un pezzo spostando le fiche del pipistrello che in quel momento è già volato verso un altro tavolo, oppure chiamano la vincita, consapevoli del fatto che preferisce rinunciare piuttosto che perdere del tempo fermo a discutere con capitavoli e ispettori.

Conviene sempre accontentarsi di un guadagno modesto per ottenere l'esposizione di capitale più bassa possibile

Lorenzo Della Moglie

Buono a sapersi
Pulirsi le mani

Il croupier quando lascia il tavolo è obbligato a muovere le mani strofinandosele. Gesto che serve per mostrare che non ha nessuna fiche nascosta. In alcuni casinò questo movimento viene fatto prima di ogni lancio di pallina per far vedere che non si ha nulla in mano.