Questo sito fa uso di cookie, i cookie introducono una gamma di servizi che migliorano la tua fruizione del sito. Utilizzando il sito si ritiene accettato l'uso dei cookie secondo le nostre linee guida. Per maggiori informazioni clicca qui.

Home Giocare Giocare al casinò Accesso

Accesso

A pensar bene entrare con un documento serve per garantire che malintenzionati, giocatori compulsivi e minori non possano entrare, a pensar male...

Per l'accesso al casinò in Europa, salvo casi eccezionali,  è obbligatorio esibire un documento di identità. Lo scopo è molteplice, evitare che entrino  "soggetti" a rischio già cacciati dai casinò, identificare i clienti per prendere provvedimenti in caso di comportamenti scorretti, tracciare le presenze per analizzare i flussi di giocatori e "tracciarne" i profili.

Fortunatamente oggi è stata abolita quasi ovunque la pratica assurda di far pagare l'ingresso; pagare per entrare a dare via i propri soldi. Un po' come se nel vecchio west chi doveva essere impiccato doveva pagare per la corda.

Se non si hanno avuto problemi in precedenza e si hanno diciotto anni l'accesso alle roulette dei casinò avviene senza problemi e contrattempi. I dati vengono inseriti nel computer ed una webcam nascosta nel soffitto provvederà a scattare una foto che verrà memorizzata nei loro archivi.

Il biglietto di ingresso oggi è il più delle volte sostituito da tessere fedeltà che permettono di accumulare punti o partecipare a concorsi e che hanno il vantaggio di farvi passare direttamente alle sale d gioco senza la trafila del biglietto.

Molti giocatori negli anni sono stati premiati "per meriti di gioco" con delle tessere vip (gold, member, etc), create apposta per i clienti migliori e che garantiscono cene gratis al ristorante del casinò e/o accesso al privè e altro ancora. Questa tessera dà origine ad un fenomeno strano; il possessore orgoglioso si sente diverso dalla massa dei giocatori e ne fa un vanto, ma, dato che essere un "buon cliente" del casinò significa aver lasciato a loro vagonate di euro negli anni, con la tessera si finisce per identificare qui pochi vip ed i grossi perdenti.

Oggi con le limitazioni di utilizzo del contante il biglietto di ingresso serve anche per "controllare" la distribuzione del denaro.

Più dei giocatori che vincono molto, i casinò temono i giocatori che vincono molto incassano le vincite e vanno a casa.

Marten Jensen

Buono a sapersi
Il giocatore suicida

A Montecarlo, un tempo, vista la pubblicità negativa per il crescente numero di suicidi di giocatori sul lastrico, uomini del casinò erano incaricati di intervenire a mettere dei soldi in tasca del suicida così da far credere che il gesto fosse per motivi opposti. Un giorno si sentì uno sparo e un uomo fu trovato a terra agonizzante proprio vicino al casinò. I solerti addetti gli riempirono le tasche di denaro. Quando arrivò la polizia del cadavere si erano perse le tracce e c'è chi sostiene di averlo visto fresco e arzillo giocarsi i quattrini al tavolo della roulette.